Mangialardi: “Nessun taglio all’Ospedale di Senigallia”

Mangialardi: “Nessun taglio all’Ospedale di Senigallia”

“E’ emersa la necessità di modernizzare le tecnologie e di sanare la grave carenza di personale che obbliga a pesanti condizioni di lavoro gli operatori sanitari per mantenere adeguati standard qualitativi”

SENIGALLIA – “Il recente Consiglio Grande dedicato alla sanità senigalliese, a dispetto delle solite pretestuose polemiche di chi scommette sempre e comunque contro la città, ha lasciato alcune importanti certezze che riguardano il nostro ospedale e la medicina del territorio. La prima, fondamentale e ribadita formalmente anche dalla Regione Marche, è la necessità della struttura ospedaliera di Senigallia. Struttura a cui va riconosciuta la qualità, la quantità e anche la complessità delle prestazioni erogate. Nessun taglio e nessuna riduzione delle attività attribuite dunque, ma integrazione funzionale con le strutture di Jesi e Fabriano nell’ambito del Presidio Ospedaliero Unico di Area Vasta 2. L’unico che questo territorio può avere in base agli standard nazionali delle prestazioni ospedaliere e del numero di abitanti”.

A dirlo è il candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Marche Maurizio Mangialardi, intervenendo sul tema del futuro dell’ospedale di Senigallia.

“Di certo – aggiunge Mangialardi – è emersa la necessità di modernizzare le tecnologie e di sanare la grave carenza di personale che obbliga a pesanti condizioni di lavoro gli operatori sanitari per mantenere adeguati standard qualitativi e quantitativi, e talvolta induce a temporanee riduzioni di servizi per consentire le giuste ferie estive. Pertanto sono urgenti investimenti in tempi brevissimi, utilizzando i fondi governativi ed europei che sono arrivati e altri che arriveranno. Inoltre, è assolutamente prioritaria la messa a norma della Unità di Terapia Intensiva con il riconoscimento di almeno 6 posti letto, garanzia del mantenimento della attuale complessità anche delle attività erogate dalle altre specialità, specialmente chirurgiche”.

“La medicina del territorio – ha concluso il candidato del centrosinistra – e in particolare il Distretto sanitario, ha dimostrato tutta sua fondamentale importanza durante la pandemia. Le migliaia di tamponi effettuati, la medicina a distanza che ha coinvolto i giovani medici delle Usca, in collaborazione con i medici di famiglia e il dipartimento di Prevenzione, l’assistenza fornita alle residenze protette, hanno evitato le situazioni drammatiche viste in altre regioni. Tutto ciò va garantito e potenziato. Però, il tema centrale su cui si misura la funzionalità del Distretto sanitario continuerà a essere le liste di attesa per prestazioni e visite specialistiche nel Poliambulatorio, con tempi inaccettabili e resi ancora più lunghi dall’emergenza Covid. Il nuovo direttore sanitario Alessandro Marini si è già attivato per un incremento del 30% di orario dell’offerta specialistica e si è impegnato a chiederne un altro 30% entro fine anno. Si tratta di una partita importante, perché è in gioco la credibilità di un sistema. Il sostegno alla medicina del territorio sarà un altro impegno ineludibile all’interno del programma per la Regione Marche, perché è prioritario che il cittadino possa accedere con facilità ai presidi di prevenzione e tempestivamente alla diagnosi, senza essere costretto a ricorrere al servizio privato”.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: