Un nuovo progetto di edilizia sociale in via delle Mimose

Un nuovo progetto di edilizia sociale in via delle Mimose

Approvato dall’Erap Marche lo studio di fattibilità. Mangialardi: “Intervento che corona dieci anni di politica abitativa originale e innovativa”

SENIGALLIA – Con l’approvazione dello studio di fattibilità da parte di Erap Marche, trova compimento proprio sul finire del mandato anche il progetto di edilizia sociale di via delle Mimose, collocato nel quartiere delle Saline. L’intervento, che prevede  la realizzazione di 22-24 alloggi, oltre a garage e locali al piano terra da adibire a strutture socio sanitarie e a servizio della persona, non comporterà consumo di nuovo suolo in quanto si tratta del recupero di una struttura scolastica dismessa nel 2012.

Erap Marche investirà risorse proprie nell’esecuzione del progetto, ma lo presenterà anche nell’ambito di un apposto bando emesso dalla Regione Marche per ottenere una quota dei finanziamenti previsti dal Programma Integrato di Edilizia Residenziale Sociale.

Gli alloggi che verranno realizzati saranno destinati alla locazione permanente di edilizia sovvenzionata con canone sociale. Il nuovo edificio è stato progettato con caratteristiche edilizie di alta sostenibilità ambientale e pienamente rispondenti alle norme antisismiche. Tra gli obiettivo anche quello di innalzare i livelli della qualità abitativa  per quanto attiene il superamento delle barriere architettoniche e la sicurezza nell’uso, in modo tale da fornire risposte alle mutate esigenze che caratterizzano l’attuale domanda di accesso alla casa.

“Un progetto a cui tengo moltissimo – spiega il sindaco Maurizio Mangialardi – e che dunque sono contento di poter quanto meno avviare proprio allo scadere di questi dieci anni. Dieci anni che hanno visto la politica abitativa della nostra Amministrazione ampliare notevolmente l’offerta di alloggi sul territorio comunale, caratterizzandosi per l’originalità e l’innovazione di soluzioni mirate a coniugare sempre la qualità e l’inclusione, binomio fondamentale per costruire una comunità socialmente coesa. Penso ai progetti di autocostruzione a Cesano e alla Cesanella, divenuti casi di studio per tante amministrazioni comunali. Ma penso anche e soprattutto alla grande attenzione che abbiamo posto alle diverse esigenze dei cittadini mettendo in campo varie tipologie di intervento, dall’edilizia agevolata a quella sovvenzionata, fino al patto di futura vendita; formule che ci hanno consentito di dare risposte a varie fasce di reddito. Il mio ringraziamento va naturalmente all’Erap e alla Regione Marche, con le quali abbiamo costruito iniziative e sperimentazioni di grande rilievo, spesso riconosciute a livello nazionale come best practice”.

Nella foto: la struttura scolastica dismessa nella cui area sarà realizzata una palazzina

 

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: