LA PROPOSTA / “Senigallia sarà stupefacente solo con un piano strategico lungimirante”

LA PROPOSTA / “Senigallia sarà stupefacente solo con un piano strategico lungimirante”

Paolo Landi ai candidati alla carica di sindaco: “E’ necessario produrre una visione della città di domani con un piano elaborato democraticamente dal basso, dove cittadini e portatori di interesse potranno contribuire con proposte e idee da raccogliere in un contenitore virtuale”

di PAOLO LANDI

SENIGALLIA – Per passione da anni valuto e studio l’urbanistica dell’intero territorio comunale simulando e immaginando un suo potenziale sviluppo futuro.

Ma non si perseguirà nessun risultato accettabile proponendo progetti e idee alla rinfusa, senza integrazione con il contorno, che altro non sono che elenchi di aspettative senza peraltro la capacità di darle gambe e copertura economica che non può essere solo riposta nella sola speranza di finanziamenti pubblici. Il mio sforzo è di pensare a un disegno urbano complessivo dove i singoli interventi interagiscono e si completano tra di loro  come tessere di un mosaico preciso senza frizioni e dove c’è un auto sostenibilità economica che nasce dalla finanza di progetto, se c’è poi anche qualche finanziamento pubblico ben venga ma non è su quello che si dovrà fare affidamento.

E’ necessario produrre una visione della città di domani con un piano strategico elaborato democraticamente dal basso dove cittadini e portatori di interesse potranno contribuire con proposte e idee da raccogliere in un contenitore virtuale da cui verranno selezionate, elaborate e ordinate da esperti per costruirne una struttura organica flessibile che fornisce un film istantaneo dello sviluppo futuro non rigido e prescrittivo ma flessibile, modificabile e aggiornabile in continuazione e per far questo si può partire da un punto fisso con una prima impostazione provvisoria che posso mettere a disposizione, ma che, se necessario, potrà anche essere stravolta radicalmente in itinere.

Come esempio di questo modo di procedere ho stralciato dalla mia analisi complessiva un brano di città che gravita intorno al porto riportando in figura l’immagine di uno scenario finale che in pochi sanno ma che è già iniziato  sulla darsena Rosi dove a breve partirà il recupero delle vecchie case dei pescatori che andranno ad affacciarsi su una piazza d’acqua interamente pedonale destinata a diventare il più prestigioso salotto urbano della città

Riporto anche la sintetica dicitura che accompagna l’immagine che ho postato sul mio profilo facebook: “LA VISIONE STRATEGICA DELLA CITTA’ FUTURA con l’ampliamento del porto, il recupero delle aree ex Sacelit ed Italcementi, il collegamento diretto e naturale dei lungomari, con nuove pedonalizzazioni, con inedite passeggiate e ramblas, una nuova viabilità fluida e funzionale, con un inedito e adeguato accesso al porto, tanti parcheggi, tanto verde, nuovi spazi pubblici e nuove icone monumentali”.

L’invito che quindi rivolgo ai candidati a sindaco di Senigallia è che se vogliamo una città stupefacente è necessario impostare come priorità assoluta il coordinamento progettuale urbano con un moderno piano strategico per la città senza partire da proposte specifiche e impedendo fino a che siamo in tempo l’attuazione di scelte discutibili come il restyling urgente di piazza Simoncelli che andrà a sottrarre dal bilancio comunale ben 1.400.000 euro  e che andrebbe meglio visto in abbinamento con palazzo Gherardi entrambi recuperabili con un progetto intelligente a costo zero e per il secondo senza venir meno alla volontà del lascito testamentario.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: