L’ex sindaco Luca Memè si scusa e Carla Coppa ritira la querela

L’ex sindaco Luca Memè si scusa e Carla Coppa ritira la querela

Dopo sette anni si è conclusa una vicenda che, nel 2013, aveva fatto molto discutere a Ostra Vetere

OSTRA VETERE – A distanza di sette anni il Consiglio comunale di Ostra Vetere è tornato ad occuparsi di una incresciosa vicenda che, per lungo tempo, ha fatto discutere. Anche oltre il contesto territoriale ostraveterano. Una vicenda conclusa il 24 ottobre dello scorso anno.

“Era il 27 agosto 2013, esattamente 7 anni fa – ha ricordato nei giorni scorsi, durante l’ultima seduta del Consiglio comunale, il consigliere di opposizione Giuseppina Codias – quando l’allora sindaco di Ostra Vetere (l’ingegner Luca Memè – ndr) dichiarava, in sede consiliare appunto, che la signora Carla Coppa, in qualità di amministratrice della Partecipata comunale “Montenovo Servizi Srl” percepiva rimborsi in maniera indebita”.

E questo, come ha poi ricordato la stessa Codias “fu un vero e proprio cavallo di battaglia per la “Lista civica per Ostra Vetere” che, indubbiamente, contribuì alla sua vittoria elettorale”.

“Bene – ha poi proseguito Giuseppina Codias -, a distanza di 6 anni e dopo ben 14 udienze, il Giudice in data 24 ottobre 2019 ha imposto all’ex sindaco di Ostra Vetere il risarcimento economico nei confronti della signora Coppa, nonché di elaborare adeguate scuse, scritte e firmate, delle quali ne do lettura.

“Il sottoscritto Ing. Luca Memè – si legge nella lettera di scuse – manifesta alla Sig.ra Coppa Carla il proprio rincrescimento per i contenuti delle dichiarazioni da lui proferite in qualità di Sindaco di Ostra Vetere in sede di Consiglio comunale in data 27/8/13, dando atto che la stessa, già amministratrice della società “Montenovo Servizi Srl”, ha percepito i suoi rimborsi in trasparenza e buona fede, amministrando altresì la società in termini trasparenti durante il suo mandato”.

A quanto affermato dal consigliere comunale Giuseppina Codias va anche aggiunto che l’ingegner Luca Memè, constatata ogni sua responsabilità penale, ha versato alla signora Carla Coppa la somma di 2.500 euro come risarcimento del danno morale e materiale e delle spese sostenute.

La signora Carla Coppa, a sua volta, ha rinunciato alla costituzione di parte civile. Una storia che si conclude nel migliore dei modi e che rende giustizia ad una donna onesta, ingiustamente accusata dall’ex sindaco di Ostra Vetere.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: