A Ostra riaprono le scuole con tanti progetti per il futuro

A Ostra riaprono le scuole con tanti progetti per il futuro

OSTRA – “L’inaugurazione dell’anno scolastico 2020-21 – si legge in un documento dell’Amministrazione comunale – è accompagnata da tante  aspettative e non poche preoccupazioni. Dopo i lunghi mesi della  chiusura, imposta dalla pandemia, non c’è solo da recuperare una parte  di programma forse rimasta indietro: c’è da riprendere una relazione  educativa, un percorso di crescita, un viaggio nella vita. C’è da  riacciuffare quella normalità, che (ormai lo abbiamo sperimentato) ci  appartiene e ci identifica. Non vogliamo rimettere, fintamente,  l’orologio indietro, come se nulla fosse stato.

“Siamo a riprendere il  cammino consapevoli di quanto è accaduto (e non solo in termini  sanitari), della necessità di un cambiamento nelle modalità del nostro  quotidiano e di una corresponsabilità senza defezioni. Come ci siamo impegnati di fronte ai cittadini, così abbiamo investito  nella scuola, in un colloquio pressoché continuo con la dirigenza  scolastica, per cogliere le esigenze e condividere le opportunità.

“Siamo profondamente lieti, innanzitutto, di aver restituito alla nostra  comunità una scuola, indebitamente chiusa e smantellata, facendo leva su  ragioni tanto pretestuose quanto facilmente rimosse. La Scuola primaria  “Morganti” tornerà ad accogliere quotidianamente i bambini: è  praticamente nuova, accogliente, colorata, con un ampio spazio verde a  disposizione (più ampio di prima), da utilizzare per inventare modalità  didattiche alternative, a contatto con la natura. E la scelta di  recupero, fatta in tempi non sospetti, oggi si rivela decisamente  vincente per tutta l’organizzazione scolastica: senza questi spazi,  davvero avremmo avuto grossi problemi a riprendere l’attività  scolastica.

“La “Morganti” riapre festeggiando un anniversario: i 120 anni dalla sua  realizzazione. Se, da una parte, sul filo della memoria, riannoda un  legame profondo con il territorio, nutrito di ricordi, volti e storie  personali, dall’altra si offre come opportunità nuova, che va ad  arricchire l’offerta formativa del nostro Istituto Comprensivo. Così,  accanto al “tempo normale” e al “tempo pieno”, offerti dalla “Crocioni”,  da quest’anno le famiglie hanno potuto scegliere anche il “tempo  ridotto”, con il sabato libero e un rientro pomeridiano, offerto dalla  “Morganti”. Non si torna indietro: si guarda avanti e si progetta,  valorizzando e avendo cura dell’esistente.

“La riapertura della “Morganti” ha liberato sei aule alla scuola  “Crocioni”, spazi preziosi, di cui si avvantaggeranno le sezioni  rimaste. Nuovo spazio anche per il refettorio, nel quale i bambini  potranno consumare i loro pasti, nel pieno rispetto delle norme  prescritte. A loro uso esclusivo sarà riservata una parte del parco  pubblico di via Leopardi, con una nuova area recuperata: sarà il polmone  verde della “Crocioni”, che, grazie alla disponibilità e allo spirito di  collaborazione del Circolo Tennis Ostra, avrà a disposizione anche il  campo da beach-volley e i campi da tennis (facilmente raggiungibili a  piedi, in tutta sicurezza), per attività all’aperto e proposte sportive  alternative. In questo modo abbiamo potuto riparare all’indisponibilità  della nuova palestra, la cui apertura continua ad essere forzosamente  rinviata, per ragioni totalmente estranee alla volontà dell’attuale  Amministrazione.  La scuola secondaria di primo grado “Menchetti” è stata oggetto di  messa in sicurezza già dall’inizio dell’anno, con l’individuazione e  l’isolamento del plesso sismicamente più fragile e la realizzazione di  due aule al piano terra, dedicate alla musica e all’educazione  artistica. Durante l’estate sono continuati i lavori di  riqualificazione. I ragazzi avranno a disposizione una terza aula,  sempre al piano terra, mentre bagni e intonaci delle scale sono stati  completamente rinnovati.

“Questi interventi non ci allontanano dal progetto di realizzare una  scuola nuova, tutt’altro, ma la progettualità non può contrastare con  l’esigenza di offrire ai ragazzi, docenti e personale spazi accoglienti  e dignitosi e quelli, a cui ci riferiamo, non lo erano più da tempo.

“Per rispondere all’esigenza del distanziamento, abbiamo allestito un  piccolo plesso distaccato, in via C. Colombo, quindi nelle immediate  vicinanze dell’edificio titolare. Ospiterà le classi seconde, che  potranno disporre di aule capienti e luminose e anche di un cortile  esterno a loro riservato.

“Dalla prossima estate l’attenzione si sposterà sulle Scuole dell’Infanzia: per la “Biancaneve”, grazie al finanziamento ottenuto  nell’autunno 2019, sarà realizzato il progetto di adeguamento sismico  dell’edificio, bloccato quest’anno dal ritardo nella pubblicazione del  decreto di assegnazione, a causa della sospensione dei procedimenti  amministrativi durante il lockdown.

“Anche la “Peter Pan” sarà oggetto di una serie di interventi, già  individuati, di riqualificazione, primo fra tutti la scala esterna di  emergenza.  Rientra in questa attenzione riservata al mondo della scuola, la scelta  di non utilizzare le Scuole dell’Infanzia come sedi dei seggi  elettorali. Ci è sembrato un dovuto segno di rispetto per tutta la  popolazione scolastica, che le “abita” quotidianamente, e che è già  stata gravemente penalizzata da quanto accaduto nei mesi scorsi.  Ringraziamo i parroci, le associazioni e i privati, che, con la loro  disponibile collaborazione, hanno reso possibile l’individuazione di  nuove sedi adeguate.

“Per tutti i nostri studenti restano a disposizione anche altri spazi  non scolastici, per attività a tema: la Biblioteca è pronta ad  accogliere gli alunni per ogni progetto legato alla promozione della  lettura, per le ricerche e gli approfondimenti. Le esperienze proposte  lo scorso anno, seppure bruscamente interrotte, non possono che  incoraggiarci a continuare, dato l’apprezzamento dei giovanissimi utenti  e delle loro famiglie. Il Teatro oltreché per la consueta stagione  dedicata ai ragazzi (augurandoci che sia possibile presto riprendere  l’attività ordinaria), è disponibile a proporre laboratori e stages  interdisciplinari. Il Museo, la cui apertura è programmata entro la fine  dell’anno, avrà infinite curiosità da suscitare e alimentare nei  ragazzi, mentre continua la disponibilità dell’Amministrazione per le  visite al Palazzo Comunale, inaugurate lo scorso anno, con grande  interesse e coinvolgimento da parte dei bambini: avranno la possibilità  di conoscere la funzione dei vari uffici e di approfondire “sul campo”  temi di educazione civica.

“Entro l’autunno partirà il bando per il Concorso di idee per la  realizzazione della nuova scuola “Menchetti”. Sarà pensata come una  scuola modulare – si legge sempre nel documento dell’Amministrazione comunale -, capace di arricchirsi nel tempo, in modo organico e  integrato, di nuove dotazioni e di accogliere nuove strutture, man mano  che se ne presenterà l’esigenza e l’opportunità. Buon anno scolastico a tutti”.

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: