“Revocare il delicato incarico del processo sull’alluvione all’avvocato delle Giunte Pd”

“Revocare il delicato incarico del processo sull’alluvione all’avvocato delle Giunte Pd”

Il gruppo consiliare di Forza Italia Civici per Senigallia torna sull’ordine del giorno già presentato in Comune

SENIGALLIA – “Il nostro ordine del giorno, già apparso sulla stampa, per la revoca dell’incarico all’avvocato Lucchetti – si legge in un documento di Forza Italia Civici per Senigallia -, ha suscitato notevole interesse ed approvazione da parte di tantisssimi cittadini e non solo elettori del centrodestra. Riteniamo opportuno approfondire ancor di più il contenuto del nostro odg ai fini di aver un consenso unanime nel prossimo Consiglio comunale.

“Revocare l’incarico all’avvocato Alessandro Lucchetti, incaricato dalla precedente Giunta di costituirsi nel processo dell’alluvione quale responsabile civile per fatto dell’imputato, è necessario ed opportuno. Per questo Forza Italia Civici per Senigallia lo ha chiesto formalmente all’Amministrazione comunale quale gesto corale di maggioranza in segno di discontinuità con il passato.

“Necessario perché, come abbiamo spiegato in modo dettagliato nell’ordine del giorno presentato, quella nomina viola in modo palese il regolamento sugli incarichi approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale. Opportuno, perché lo studio Lucchetti, da ormai quasi un ventennio, è stato lo studio di riferimento della Giunta Angeloni prima e della Giunta Mangialardi poi, ottenendo un numero imprecisato di incarichi fiduciari senza mai ricorrere ad una gara o ad una rotazione. Non solo.

“L’avv. Alessandro Lucchetti fu nominato direttamente dal Pd per comporre il collegio che doveva giudicare la legittimità del referendum sul progetto edilizio che interrompeva il lungomare sud.  Nella scorsa legislatura denunciammo, ad esempio che tra il 2011 e il 2012 allo studio Lucchetti fu liquidata l’imponente somma di 173.112,66 euro (di cui ben 156 mila euro all’Avvocato Alessandro Lucchetti e il resto al padre). Prima di quegli emolumenti, denunciammo la sbalorditiva cifra pagata dal Comune (dall’inizio degli anni 2000) per la famosa questione del tricolore che il sindaco Angeloni voleva far rimuovere dal balcone di Giulio Fibbi, già segretario di Forza Italia. Per quella causa (trascinata al Consiglio di Stato e terminata con una sonora sconfitta per il Comune) l’Avv. Lucchetti percepì 73.309,66 euro. Nel 2017, l’Avv. Lucchetti chiese e ottenne la somma di 12.911,44 euro (determina del 6.03.2017) per costituirsi al Tar con due memorie molto sintetiche (5 pagine complessivamente) per un ricorso poi estinto con decreto di perenzione. Ancora l’anno scorso (novembre 2019) la Giunta Pd affidò l’incarico all’Avv. Lucchetti di parlare in un convegno formativo di “trasparenza” liquidandolo con ben 1.500 euro per un impegno di due ore. Anche in questo caso, l’incarico fu fiduciario.

“Se oggi esiste un regolamento trasparente per gli incarichi agli avvocati (che abbiamo contribuito a scrivere in modo determinante)  lo si deve alle nostre reiterate denunce e al nostro impegno. La via della revoca per l’incarico delicato del processo sull’alluvione è obbligata – conclude Forza Italia Civici per Senigallia – e va fatta subito per provvedere alla nomina di un penalista nel rispetto del regolamento e con richiesta di preventivi che rispettino la logica dei minimi tariffari”.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: