Mangialardi detta l’agenda: “Dopo il Ponte 2 Giugno si avviino i lavori per l’escavo del porto”

Mangialardi detta l’agenda: “Dopo il Ponte 2 Giugno si avviino i lavori per l’escavo del porto”

L’ex sindaco di Senigallia ha incontrato il presidente del Consorzio di Bonifica delle Marche Claudio Netti per fare il punto sullo stato di attuazione degli interventi

ANCONA – Nell’ambito degli incontri promossi dal gruppo consiliare del Partito democratico, ieri il capogruppo regionale Maurizio Mangialardi ha incontrato il presidente del Consorzio di Bonifica delle Marche Claudio Netti per fare il punto sullo stato di attuazione degli interventi volti alla mitigazione del rischio idrogeologico sull’intero territorio marchigiano. Al centro del confronto anche i lavori sul fiume Misa e, in particolare, quelli riguardanti il rifacimento del ponte 2 giugno e l’escavo del porto.

“Negli ultimi cinque anni – commenta Mangialardi – con il Consorzio di Bonifica abbiamo collaborato proficuamente per la messa in sicurezza del Misa. Particolarmente importanti sono stati gli investimenti per la pulizia dell’alveo e il rafforzamento degli argini che hanno permesso una significativa mitigazione del rischio idrogeologico lungo l’intera asta del fiume. Sono molto soddisfatto, poi, di come stanno procedendo i lavori di demolizione e ricostruzione del ponte 2 giugno, in merito ai quali ho ricevuto garanzie sul loro completamento nei tempi previsti. Nell’occasione ho chiesto anche particolare cura e attenzione ai dettagli stilistici affinché la struttura sia resa pienamente compatibile con il contesto urbanistico circostante. In ogni caso, il progetto che avevamo concordato a suo tempo con il Consorzio, ovvero un ponte a campata unica e senza piloni in acqua, rappresenta un’opera fondamentale per la salvaguardia del centro storico cittadino”.

Mangialardi ha poi voluto essere rassicurato anche sulla pianificazione dei lavori riguardanti l’escavo nel porto.

“Attendiamo il rifacimento del ponte – spiega il capogruppo del Pd – ma ho chiesto al presidente Netti anche un preciso impegno per l’escavo, intervento di competenza regionale peraltro già deliberato nella scorsa legislatura dalla giunta Ceriscioli. Anche in questo caso si tratta di lavori di straordinaria importanza per garantire la sicurezza della città. Proprio per tale motivo, nelle prossime settimane continuerò a confrontarmi con il Consorzio affinché vengano avviati e completati il prima possibile”.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: