Si era trasferito all’estero ma continuava a percepire il reddito di cittadinanza, denunciato

Si era trasferito all’estero ma continuava a percepire il reddito di cittadinanza, denunciato

A Senigallia la Polizia continua l’attività di contrasto all’immigrazione clandestina

SENIGALLIA –  Proseguono costanti le attività, coordinate dalla Questura di Ancona in materia di contrasto all’immigrazione clandestina che, nell’ultimo semestre, hanno consentito di raggiungere risultati molto importanti.

Risultati che possono riassumersi nei seguenti numeri:

40 espulsioni di stranieri irregolari

62 stranieri raggiunti da Ordine del Questore di lasciare il territorio nazionale

11 misura emesse dal Questore

16 accompagnamenti di cui 10 alla frontiera e 6 ai centri di permanenza

4 comunitari espulsi per motivi di sicurezza.

In questo ambito, di  puntuali controlli e verifiche ad ampio raggio, anche con specifici servizi sul territorio, si inserisce l’ultimo accertamento condotto dagli agenti del Commissariato di P.S. di Senigallia che  hanno rilevato alcune anomalie a carico di un cittadino di origini nigeriane.

Questi, seppur da tempo anagraficamente residente a Senigallia, con regolare permesso di soggiorno, da diversi mesi, risultava di fatto, non più presente sul territorio comunale. Circostanza che va tenuta in considerazione per valutare la  permanenza dei requisiti per il permesso di soggiorno.

Dovendo, dunque, avviare degli accertamenti a suo carico circa l’attuale residenza, i poliziotti effettuavano ulteriori controlli da cui emergeva che egli effettivamente da alcuni mesi, pur mantenendo la residenza anagrafica nel comune, si era allontanato per tornare al proprio paese. Tale permanenza all’estero si protraeva da diverso tempo.

Dagli accertamenti eseguiti scaturiva altresì che egli, da alcuni mesi, usufruiva del reddito di cittadinanza pari a 500 euro mensili che continuava ad incassare regolarmente, pur essendosi spostato al proprio paese d’origine. Al momento dell’accertamento è risultato aver  percepito  una somma pari a 3.000 euro.

Gli agenti, dopo aver raccolto la documentazione necessaria ed accertato la reiterata condotta di percezione del reddito di cittadinanza, pur in assenza dei requisiti di legge, procedevano a sanzionare l’uomo per l’indebita percezione di erogazioni, applicando la sanzione prevista dal codice penale pari a poco meno di 9.000 euro.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: