“Più risorse per Trecastelli, fatta giustizia sull’affitto per lo stabile della Polizia locale”

“Più risorse per Trecastelli, fatta giustizia sull’affitto per lo stabile della Polizia locale”

Una spesa da condividere con gli altri Comuni dopo la presa di posizione dei consiglieri di opposizione Nicola Peverelli, Gloria Montironi e Giorgio Terenzi

TRECASTELLI – Da Nicola Peverelli, consigliere comunale di Trecastelli e dell’Unione dei Comuni “Le Terre della Marca Senone”; da Gloria Montironi, consigliere di Trecastelli e da Giorgio Terenzi, capogruppo consiliare di minoranza a Trecastelli riceviamo: “Erano ben 288.000,00 euro le risorse comunali che inspiegabilmente il sindaco di Trecastelli aveva intenzione di impiegare per far fronte al pagamento dell’affitto relativo allo stabile adibito a sede della polizia locale dell’Unione dei Comuni della Marca Senone, e ciò senza pretendere che tale spesa fosse suddivisa tra gli altri Comuni con i quali Trecastelli condivide il servizio di polizia locale (Ostra, Ostra Vetere, Barbara).

“Un dibattito ancora caldo, rispetto al quale la scelta di accollarsi un affitto per la sede dei vigili era stata ritenuta antieconomica vista la disponibilità di diversi immobili comunali da destinare a tale scopo, ed in cui l’opposizione non ha mai arretrato di un millimetro poiché tale inverosimile presa di posizione della maggioranza avrebbe arrecato un ingente danno economico alle casse comunali e a tutta la comunità di Trecastelli.

“Ma sulla base delle regole vigenti in forza della convenzione approvata in data 13.2.2019 applicata in sede di bilancio dell’Unione non si poteva far altro che prendere atto che anche l’affitto dello stabile ubicato a Trecastelli via Marco Polo doveva rappresentare una spesa da condividere con gli altri tre Comuni aderenti al servizio.

“Da qui, finalmente,  il doveroso dietrofront del sindaco tenuto all’osservanza delle regole che debbono essere applicate e rispettate.

“Difatti, durante la discussione della salvaguardia degli equilibri di bilancio del Comune di Trecastelli, è stata approvata una variazione che comprendeva, tra le altre misure, anche la ripartizione del predetto canone di affitto tra gli enti suindicati facenti parte dell’Unione dei Comuni.

“Se Trecastelli deve far parte dell’Unione dei Comuni, la sua amministrazione non può   assumere una posizione remissiva che stravolga gli equilibri in danno alla nostra comunità locale.

“L’equa distribuzione delle spese, che risponde a chiare esigenze di giustizia, legalità, e buon senso politico, consentirà a Trecastelli di liberare risorse economiche da investire su progetti e settori che interessano la nostra comunità”.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: