Assegnato il quindicesimo premio per la Biodiversità nell’agro-alimentare delle Marche

Assegnato il quindicesimo premio per la Biodiversità nell’agro-alimentare delle Marche

SERRA DE’ CONTI – Presso l’Azienda Vitivinicola Casalfarneto, incantevole ed accogliente location situata fra le verdi colline di Montecarotto e Serra de’ Conti, è stato assegnato il quindicesimo Premio per la biodiversità nell’agro-alimentare delle Marche.

Istituito dall’Associazione Festa della Cicerchia e Slow Food Marche, composta dal Sindaco di Serra de’ Conti dott.sa Letizia Perticaroli, dalla dott.sa Ambra Micheletti, in rappresentanza dell’ASSAM, dal Prof. Stefano Tavoletti in rappresentanza della Facoltà di Agraria dell’Università Politecnica delle Marche, dal rappresentante dell’Associazione Festa della Cicerchia Silvano Siomonetti e dal rappresentante di Slow Food Marche Massimo Bergamo. La Giuria ha ritenuto di dover confermare, in quest’anno del tutto particolare, nel quale però è fondamentale riaffermare il rispetto della naturalità di cui la biodiversità costituisce elemento costitutivo, l’assegnazione del Premio, ed ha espresso, all’unanimità, di voler assegnare la quindicesima edizione a Giuliano Pediconi, Maestro di Arte Bianca, di Montecarotto.

Giuliano Pediconi è da molti anni, per quanto giovane, un convinto cultore e divulgatore dell’utilizzo del lievito madre nelle preparazioni di panetteria, pizzeria e pasticceria da forno. Di questo suo ingrediente fondamentale, ha fatto la sua vocazione ed il suo mestiere, contribuendo a diffondere la cultura e lutilizzo, sia tra i professionisti che tra i consumatori che hanno scoperto l’affascinante esperienza delle lievitazioni casalinghe, realizzate in proprio all’insegna della massima biodiversità alimentare (in questo caso specifico di tipo microbico) dato che ogni lievito assume nel tempo caratteristiche proprie. Ad Impreziosire il proprio percorso professionale, Giuliano ha anche promosso la ricerca, la messa a punto e la produzione di farine adatte a sfruttare tutte le potenzialità del lievito madre, utilizzando soli grani selezionati di produzione locale e riuscendo a costruire con alcune aziende agricole un’efficiente e produttiva filiera territoriale.

Il conferimento del premio, oltre ad essere un meritato riconoscimento all’incessante attività di studio, ricerca e divulgazione svolta da Giuliano Pediconi, intende sottolineare l’importanza del suo operato nel coniugare una tecnica tradizionale con attuali tecnologie e moderni rapporti di collaborazione tra produttori. E’ un ulteriore passo avanti verso la salvaguardia del patrimonio da porre al servizio dello sviluppo delle economie locali e del territorio rurale agricolo.

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: