I Bora Bora si preparano a rinascere: resteranno aperti tutto l’anno

I Bora Bora si preparano a rinascere: resteranno aperti tutto l’anno

Avviata la demolizione della vecchia struttura. In primavera l’inaugurazione. Il nuovo proprietario, Cristian Ramazzotti, illustra il progetto

SENIGALLIA – Come avevamo anticipato (il 17 dicembre dello scorso anno – ndr) per i Bora Bora, lo stabilimento balneare del lungomare Marconi, con annessi bar e ristorante, si prospetta un futuro roseo.

La struttura, acquisita all’asta da uno degli imprenditori più avveduti della città, Cristian Ramazzotti, con una cifra importante – 1.165.000 euro – ritenuta da alcuni operatori troppo elevata (la base d’asta era di 850.000 euro), è destinata a diventare uno dei “gioielli” della spiaggia di velluto. E sarà fruibile tutto l’anno.

In questi giorni è stata avviata la demolizione della vecchia struttura, fino a qualche anno fa punto di riferimento per il turismo senigalliese. E presto saranno avviati i lavori per la ricostruzione.

“Abbiamo un grande impegno: restituire a un’area storica della nostra città la luce e l’importanza che merita”. E’ quanto ci ha dichiarato il nuovo proprietario, Cristian Ramazzotti.

L’ex concessione Bora Bora/Ancora è sicuramente un punto nevralgico per l’accoglienza turistica di Senigallia. Esattamente tra i due lungomari. Cinque minuti a piedi, sia dal Monco in Piazza che dalla Rotonda.

“Per questo – afferma sempre Ramazzotti – abbiamo pensato in grande: un progetto architettonico che nasce dall’idea di tenere insieme le funzioni di questa area, lasciando accesa, la luce durante tutte e quattro le stagioni. Un luogo così centrale, secondo noi, ha l’obbligo morale di prestare servizio tutti i giorni, tutto l’anno, a tutte le ore”.

Con un progetto di accoglienza turistica che si unisce ad una proposta gastronomica diversa e attenta.

“Uno stabilimento balneare che si presenterà rinnovato già dalla prossima primavera, con servizi dedicati a chi si vuol rilassare, a chi si vuol divertire, a chi vuole fare sport (a terra e in mare). Uno stabilimento attento alle varie esigenze, gestito – aggiunge Cristian Ramazzotti – con la premura e la passione che ci contraddistinguono.

“Cuore della proposta gastronomica sarà la pizza di qualità, su cui da tempo stiamo facendo ricerca. Ci siamo confrontati con le migliori pizzerie del centro Italia e con i produttori di grano. Una pizza che pretende di farvi vivere un’esperienza. Un viaggio sempre diverso, perché il prodotto cambierà seguendo la stagionalità delle materie prime.

“Questa proposta – prosegue l’imprenditore senigalliese -, sarà affiancata da un’offerta differente, ma sempre di qualità, per rispondere a tutte le esigenze: una piada stirata a vista, un panino farcito al momento o un’insalatona per un pranzo veloce. Non può mancare anche una piccola proposta di pesce, direttamente dal Tajamare…

“Alcune aree saranno destinate al servizio bar. Non uno, ma più punti bar per offrire un servizio completo. Sarà possibile fare una colazione la mattina presto, prima di andare al lavoro o una colazione tranquilla sulla spiaggia, con un amico; un aperitivo di gruppo per una ricorrenza o intimo, sdraiati sulla spiaggia; un cocktail al tramonto o sotto un cielo stellato…

“Tutto questo – conclude Cristian Ramazzotti – in un villaggio unito dalla passione per il mare, la buona cucina, l’attenzione verso il cliente e l’amore per la nostra Città”.

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: