All’avvocato Roberto Paradisi affidato un prestigioso incarico all’Università di Perugia

All’avvocato Roberto Paradisi affidato un prestigioso incarico all’Università di Perugia

di ELPIDIO STORTINI
SENIGALLIA – Nuovo prestigioso incarico, all’Università di Perugia, per l’avvocato senigalliese Roberto Paradisi che, nei giorni scorsi, ha ricevuto il decreto di nomina quale professore incaricato di “Filosofia e Sociologia dei diritti umani” alla Facoltà di Giurisprudenza.
Da anni assistente universitario e dottore di ricerca, l’avvocato Paradisi, penalista, esperto ed appassionato di diritto naturale e diritto classico, aveva avanzato la candidatura per la cattedra a contratto, all’interno del corso di laurea biennale sulla integrazione giuridica europea e diritti umani.
Quella universitaria, per il noto legale senigalliese, è sempre stata una strada di passione e di ricerca, con diverse pubblicazioni scientifiche all’attivo e due libri pubblicati con Giappichelli editore (“Il logos del processo” e “Il diritto negato”, un saggio quest’ultimo sulla legittima difesa, quale diritto naturale dell’uomo, anche con approfondimenti sull’attuale normativa).
Una strada parallela, quella di Roberto Paradisi, alla preminente professione forense, che oggi potrebbe rappresentare uno stimolo accademico con ulteriori prospettive. La nuova avventura, per l’avvocato senigalliese, inizierà il prossimo febbraio, in coincidenza con il secondo semestre universitario.
Avvocato penalista patrocinante in Cassazione, con studio a Senigallia e Perugia, l’avvocato Roberto Paradisi si occupa di diritto penale, civile, lavoro, amministrativo, infortunistica stradale. Nello studio, aperto nel 2005, collaborano cinque avvocati e due praticanti.
L’avvocato Paradisi, laureato nel 1998 – con votazione di 110/110 – all’Università di Perugia è anche autore di due libri e di varie pubblicazioni scientifiche sul processo penale, la legittima difesa, il diritto naturale e l’argomentazione giuridica. Nel 2017 ha inoltre conseguito, a Milano, un Master in diritto dell’ambiente.
Dal 1998 è anche cultore della materia e titolare di contratti di supporto alla didattica e di tutorato all’Università di Perugia per le cattedre di Filosofia del diritto e Logica giuridica, dove svolge abitualmente lezioni e seminari.
Giornalista pubblicista – dal 1995 – ha collaborato (dal 1988) per oltre dieci anni con il Corriere Adriatico Nel 1999 ha fondato e diretto a Senigallia il mensile “Uno in Più”, giornale di politica, cultura e informazione. Dal 2002 al 2010 ha collaborato con il quotidiano nazionale Libero di Vittorio Feltri come opinionista. Ed oggi collabora con alcuni magazine online di approfondimento culturale e politico.
Va inoltre ricordato che, nel 2017, l’avvocato Roberto Paradisi ha dato vita al progetto “Difesa Legittima sicura”, una rete nazionale presente in 17 regioni, composta da avvocati penalisti, psicologi, medici legali e palestre di arti marziali, per offrire assistenza e consulenza gratuita alle vittime di violenza e abusi.
Un progetto di grande spessore, presentato ufficialmente all’Università di Perugia (15 novembre 2018) e, successivamente, in due programmi televisivi della Rai (“Uno Mattina” e “Povera Patria”). Lo stesso progetto è stato poi illustrato da Paradisi alla Commissione Giustizia della Camera ed in Senato.
Inoltre, dal 2005 al settembre 2020, l’avvocato Paradisi ha ricoperto la carica di consigliere comunale a Senigallia, sempre eletto in una lista civica. Nel 2015 è stato anche candidato a sindaco.
Nel 1998, durante il servizio di leva obbligatorio svolto nei “Vam” dell’Aeronautica Militare, Roberto Paradisi era stato eletto al Cocer – l’organismo nazionale di rappresentanza militare – ed aveva anche curato un dettagliato rapporto sullo stato di incuria delle caserme e delle basi aeree, presentandolo personalmente all’allora ministro della Difesa Beniamino Andreatta.

 

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: