#ioapro / Dopo la protesta, le multe e le chiusure ristoratori e clienti pronti a presentare i ricorsi

#ioapro / Dopo la protesta, le multe e le chiusure ristoratori e clienti pronti a presentare i ricorsi

A preannunciarli, questa mattina, l’avvocato Roberto Paradisi, coordinatore di un pool di legali

SENIGALLIA – Dopo il blitz delle forze dell’ordine, in occasione della protesta attuata a Marzocca dal titolare del ristorante “Statale 16” e le conseguenti – e previste – multe e chiusura, inevitabili i ricorsi.

A preannunciarli, questa mattina l’avvocato Roberto Paradisi, coordinatore di un pool di legali.

“La pazienza è ormai finita”: è questo il principale messaggio lanciato, nell’occasione, al presidente del Consiglio che continua a fronteggiare la pandemia con continui Dpcm. Con regole che cambiano continuamente, nel silenzio generale.

Provvedimenti – quelli che arrivano continuamente con i Dpcm – che prevedono anche le chiusure di ristoranti e palestre, con inevitabili ripercussioni, anche dal punto di vista economico, per chi gestisce e lavora in queste strutture.

Un’iniziativa, quella dei ricorsi, sostenuta anche dall’Associazione Consumatori Utenti, presente questa mattina all’incontro con il referente regionale dottor Marco Rossano Gambini, e dal comitato “E Ora Basta Italia”, rappresentata da Beatrice Marinelli.

Una settimana fa, la sera di venerdì 15 gennaio, alcune centinaia di ristoratori, in occasione della protesta #ioapro, avevano tenuto aperti i loro locali. Una scelta per contestare le chiusure imposte dai decreti del presidente del Consiglio. Decreti, tra l’altro, non supportati da adeguati ristori.

A protestare, a Senigallia, venerdì, era stato Massimiliano Mancini, titolare del ristorante “Statale 16”, a Marzocca, multato, insieme ai clienti presenti, da carabinieri e agenti di polizia intervenuti nell’occasione.

“Ho aperto – ci ha detto Massimiliano Mancini – in quanto, ormai, non riusciamo più ad andare avanti. I costi ci sono, alcuni pagamenti sono stati soltanto rinviati e noi non riusciamo più ad avere alcun introito”.

Stesse considerazioni di un altro ristoratore presente all’incontro – Marco Biagiola del Villa Bianca di Montegranaro – che ha affermato di aver perso, in un anno, più di 800.000 euro di fatturato. Il suo ristorante, infatti, è specializzato anche in matrimoni ed eventi.

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Un pensiero su “#ioapro / Dopo la protesta, le multe e le chiusure ristoratori e clienti pronti a presentare i ricorsi

  • Gennaio 24, 2021 in 9:32 am
    Permalink

    Immagino che prima della pandemia il sig. Biagiola pagasse le tasse su un imponibile milionario.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: