Dopo Acquaroli anche Carloni assicura l’impegno della Regione per lo sviluppo di Senigallia

Dopo Acquaroli anche Carloni assicura l’impegno della Regione per lo sviluppo di Senigallia

SENIGALLIA – La settimana scorsa (lunedì 19) i problemi di Senigallia e, soprattutto, le sue prospettive di crescita, sono state al centro di un interessante e costruttivo confronto – in Regione – con il presidente della Giunta Francesco Acquaroli, presente anche l’assessore Giorgia Latini.

Nell’occasione, al termine dell’incontro, ritenuto da tutti proficuo, il presidente ha assicurato al sindaco Massimo Olivetti e all’assessore Elena Campagnolo la massima collaborazione.

Un’ulteriore conferma, quindi, del positivo rapporto tra la Giunta Olivetti e l’Amministrazione regionale, con incontri ed impegni che saranno sempre più fitti nelle prossime settimane.

Il coinvolgimento di Senigallia, come una delle città più importanti della regione, è di fatto la conseguenza dei rapporti che tutta la Giunta Olivetti sta portando avanti con la Regione da diversi mesi.

Ed oggi i principali temi per lo sviluppo di Senigallia sono stati al centro di un incontro con il vice presidente della Giunta regionale Mirco Carloni, intervenuto al Palazzo comunale. Ed anche Carloni ha assicurato, sia al sindaco Massimo Olivetti, sia agli assessori Elena Campagnolo, Gabriele Cameruccio e Alan Canestrari (all’incontro ha preso parte anche il capo dello staff del sindaco, Renato Rocchetti), la massima collaborazione per affrontare, insieme, nel modo migliore i principali temi al momento sul tappeto.

Nei prossimi giorni lo stesso Carloni tornerà a Senigallia, accompagnato da altri assessori. Un’altra occasione, quindi, per esaminare compiutamente gli argomenti ritenuti fondamentali per la ripresa economica della città dopo un periodo non proprio facile.

 

 

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: