“Sulla spiaggia di Senigallia distrutto un nido di Fratino”

“Sulla spiaggia di Senigallia distrutto un nido di Fratino”

L’associazione A.R.C.A. e le coordinatrici del Progetto Dune hanno segnalato il fatto ai Carabinieri Forestali ed alla Capitaneria di Porto. Sono in corso gli accertamenti per individuare i responsabili

SENIGALLIA – Due operatrici del Progetto Dune, progetto sostenuto dal Comune di Senigallia per la tutela e il ripristino delle dune, e di A.R.C.A. (Associazione per la Ricerca e la Conservazione di Avifauna), durante l’attività di monitoraggio dei nidi di Fratino (Charadrius alexandrinus) hanno verificato la distruzione di un nido lungo un tratto del litorale sud di Senigallia.

La pulizia, che si esclude essere stata effettuata dagli operai del Comune, formati alla tutela, si è spinta fino all’interno della recinzione a protezione del nido, costituita dai paletti di legno e nastro bianco-rosso, al centro della quale erano presenti le uova deposte, covate dalla coppia di fratini e in imminente schiusa, segnalata da un cartello informativo sulla presenza della nidificazione del Fratino.

A dimostrazione dell’azione di pulizia si sono osservati i segni del rastrello all’interno della delimitazione anche nel punto del nido.

Da diversi anni si susseguono attività di divulgazione e sensibilizzazione, anche nell’ambito del progetto di tutela dell’ambiente dunale, sulla presenza del Fratino, quale specie nidificante in spiaggia, nonché specie a rischio estinzione.

Un’azione del genere da parte dei concessionari lascia di conseguenza profondamente amareggiati soprattutto perché la presenza delle recinzioni a protezione dei nidi è segnalata da appositi cartelli informativi.

La popolazioni del Fratino registrano in anni recenti una consistente diminuzione e proprio per questo la specie è tutelata dalla Convenzione di Berna sulla conservazione della vita selvatica in Europa, dalla Convenzione di Bonn sulla conservazione delle specie migratorie, dalla Direttiva CEE 79/409 “Uccelli” e dalla Legge Nazionale n. 157/92 sulla tutela della fauna.

Inoltre l’Ordinanza n°574 del 11/10/2018 (Comune di Senigallia) vieta il disturbo alle attività riproduttive della specie Fratino rendendo penale la distruzione di un nido.

Per questo l’associazione A.R.C.A. e le coordinatrici del Progetto Dune hanno segnalato il fatto ai Carabinieri Forestali ed alla Capitaneria di Porto per avviare le indagini volte alla ricerca delle responsabilità.

Sono in corso gli accertamenti da parte delle forze dell’ordine. Si chiede alla cittadinanza attenzione e collaborazione a segnalare eventuali comportamenti errati da parte di terzi. Chiunque voglia partecipare alla sorveglianza dei nidi o dei pulcini può inviare per maggiori informazioni un messaggio tramite la pagina Facebook “Progetto Dune Senigallia”.

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: