Summer Jamboree, Mangialardi: “L’Amministrazione comunale di Senigallia continua a non capire che occorre coraggio e visione”

Summer Jamboree, Mangialardi: “L’Amministrazione comunale di Senigallia continua a non capire che occorre coraggio e visione”

di MAURIZIO MANGIALARDI*

SENIGALLIA – Avrei con piacere evitato di replicare a sigle dietro le quali si celano negazionisti del Covid e soggetti che pensano che il Ddl Zan sia l’apripista per l’accoppiamento tra esseri umani e animali. Ma la questione è troppo seria per lasciare che certe elucubrazioni alimentino una confusione che mette a rischio il futuro della città. Sul tema del Summer Jamboree, l’Amministrazione comunale di Senigallia non capisce o fa finta di non capire.

Se la Regione Marche intende valorizzare nella sua pianificazione eventi che hanno una portata meramente locale – basti pensare che, con tutto il rispetto, nel Piano arrivato in discussione in consiglio figuravano i centri del tartufo e le città della birra artigianale – e trascura quelli che promuovono l’immagine delle Marche, e in questo caso di Senigallia, a livello internazionale, tutto diventa più difficile. E in una fase dove occorre coraggio e visione per rilanciare il settore turistico, al Summer Jamboree avrebbero potuto dare quanto meno pari dignità. Questo è il senso della proposta che abbiamo portato in consiglio regionale con un emendamento che chiedeva di dare la giusta rilevanza al Summer Jamboree nel Piano triennale del Turismo 2021-2023.

Una proposta che non è di Mangialardi, né del Partito Democratico, ma della città di Senigallia e di tutti i marchigiani, perché il Summer è un patrimonio di tutta la regione. Ed è la battaglia che avrebbe dovuto condurre con noi anche il sindaco di Senigallia, invece di trasformarsi in una sorta di timido mediatore, neutrale e disinteressato, tra la Regione e gli organizzatori.

Non approvare il nostro emendamento è stato un grossolano errore da parte del presidente Acquaroli e della sua maggioranza. Perché così facendo si dichiara candidamente che il main event della stagione estiva marchigiana non è strategico. E ciò non fa bene all’immagine del Summer, ma soprattutto rischia, in particolare in questa difficile fase che richiede un surplus di risorse, di compromettere quelle sponsorizzazioni private che sono fondamentali a integrare i contributi pubblici.

Vedremo ora in sede di bilancio cosa accadrà: se saranno individuate, come io auspico, adeguate risorse per permettere una efficace programmazione pluriennale o se il Summer Jamboree sarà declassato a evento di secondo piano, costringendo l’organizzazione a valutare anno per anno la disponibilità di finanziamenti, con inevitabili ripercussioni sulla qualità della proposta.

In ogni caso noi saremo lì, sui banchi dell’Assemblea Legislativa delle Marche, a batterci affinché il Summer non affondi in quel pantano di mediocrità dentro cui la destra sta trascinando le Marche e Senigallia.

*Consigliere regionale del Partito democratico – Assemblea legislativa delle Marche

 

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: