Duro scontro all’Area Vasta 2  fra l’Amministrazione e l’Intersindacale dei medici e sanitari che abbandona l’incontro

Duro scontro all’Area Vasta 2  fra l’Amministrazione e l’Intersindacale dei medici e sanitari che abbandona l’incontro

SENIGALLIA – Le organizzazioni sindacali facenti parte dalla Intersindacale della Dirigenza medica – sanitaria, convocate dall’Area Vasta 2,  preso atto dell’incontro previsto per  il 25 maggio e del relativo Ordine del giorno che prevedeva  un  “Tavolo  tecnico” composto da tutti i membri delle delegazioni trattanti, (dopo due anni di assenza di qualunque confronto con le delegazioni sindacali ), hanno presentato un documento nel quale sostenevano che, considerati i complessi argomenti proposti, quali la rimodulazione della articolazione aziendale e il contratto integrativo 2020-2021, l’assenza di documentazione, proporre un tavolo tecnico fosse improprio, in quanto tali argomenti necessitavano prima  uno specifico confronto sindacale e che per tale motivo abbandonavano la riunione .

La stessa Intesindacale, peraltro ha precisato che, quanto alla riproposta della det. 742 , prima di affrontare un eventuale un nuovo modello, doveva essere completata la applicazione della  det.361  precedente .

“Quanto al Contratto integrativo di Av2  2020-2021- si legge in un documento firmato dai dottori Argalia, Connestari, Politi, Brandoni, Cenerelli, Pesaresi, Santarelli, Tocchini, Caporelli, Silveri, Moretti -, è stato sottolineato che è in atto una vertenza  con l’Asur, relativa alla emanazione delle linee guida , in cui non sono state recepite le richieste  sindacali formulate già dall’8.03.2021.

“In particolare, all’Asur e all’Area Vasta 2 sono stati  richiesti, per gli anni  dal 2010 al 2020 i seguenti documenti :  firma di un preambolo in cui fosse prevista la sistemazione giuridica di tutti i  dirigenti  dopo 5 anni di servizio ,i fogli excell con la costruzione dei fondi di Av2 con allegati  , la relazione tecnico finanziaria  av2 , la relazione illustrativa , il conto annuale Av2 (completo). Solo successivamente sarebbe stato possibile attivare  in Av2  un tavolo tecnico ristretto  per la loro analisi, al fine di valutarne le ricadute sugli stipulandi contratti integrativi.

“La risposta  che il sindacato ha ricevuto da parte della dirigenza dell’Area Vasta 2, prima di abbandonare l’incontro, è stata che l’Asur ha avocato a sé  la costruzione dei fondi dal 2018 ad oggi, e di fatto  anche  la contrattazione integrativa che , invece,come prevista dalla legge regionale n.17/2011, spetterebbe ad ogni singola Area Vasta.

“Ciò complica ulteriormente il rapporto negoziale in tutte le aree vaste  e necessita che vi sia un chiarimento definitivo  da parte della Regione. Pertanto – concludono i rappresentanti sindacali Argalia, Connestari, Politi, Brandoni, Cenerelli, Pesaresi, Santarelli, Tocchini, Caporelli, Silveri, Moretti -, dopo avere segnalato che il documento dell’Intersindacale  è stato inviato anche all’assessore regionale alla Sanità, l’intera delegazione dell’Intersindacale ha abbandonato l’incontro”.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: