“All’Ospedale di Senigallia situazione ormai insostenibile”

“All’Ospedale di Senigallia situazione ormai insostenibile”

Il capogruppo di Rinasci Marche in Consiglio regionale, Luca Santarelli, evidenza, con una interrogazione, la forte preoccupazione per lo stato della struttura ospedaliera che attende da anni risposte precise e concrete

ANCONA – La situazione in cui si trova l’Ospedale di Senigallia è al centro di un’interrogazione presentata in regione dal capogruppo di Rinasci Marche, Luca Santarelli (nella foto, a destra).

Dopo aver, a febbraio, ritirato una mozione volta proprio a sollecitare la Giunta regionale a rivedere le disposizioni organizzative per far tornare a operare in piena efficienza e sicurezza la struttura, il consigliere regionale torna a far sentire la sua voce.

“Sono passati tre mesi da quando, con spirito di massima collaborazione, ho ritirato il mio atto di indirizzo – spiega Santarelli – come richieste dall’assessore alla Sanità. Saltamartini in Aula evidenziava la necessità di affrontare le complesse questioni che sottoponevo alla Giunta nell’ambito della Piano socio sanitario di cui annunciava l’avvio di un primo percorso.

“A oggi, purtroppo, un nulla di fatto. Non si hanno ancora notizie circa lo stato di attuazione della revisione del Piano socio sanitario, mentre la situazione dell’Ospedale prosegue ad aggravarsi”.

Secondo il capogruppo di Rinasci Marche, “quanto sta accadendo è insostenibile” soprattutto se si pensa che sono passati 4 anni da quando, in conseguenza del Decreto Balduzzi e delle successive delibere della Regione Marche, l’Asur attraverso proprie determine ha provveduto a ridefinire l’assetto organizzativo aziendale in termini di strutture complesse, semplici e dipartimentali.

“Non ritengo possibile – incalza Santarelli – che il nosocomio di Senigallia si ritrovi ancora in tale situazione. E’ necessario che la Giunta si assuma impegni precisi, come sollecitavo nella mia mozione, per rivedere disposizioni organizzative e dirigenziali e consentire all’Ospedale di operare in totale efficienza e sicurezza, per la tutela della salute dei pazienti, degli operatori e di tutti coloro che per qualsiasi attività sanitaria ricevono servizi dalla struttura”.

Il consigliere regionale di Rinasci Marche, inoltre, ribadisce la necessità di ripristinare nella sede principale di Senigallia quota parte delle strutture organizzative attualmente decentrate. “Servono scelte – conclude – che siano connotate da maggior senso di equilibrio e guidate dalla demografia del territorio per offrire servizi migliori a supporto della collettività”.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: