Rebecchini: “Il Turismo ha bisogno di visioni ampie e idee chiare”

Rebecchini: “Il Turismo ha bisogno di visioni ampie e idee chiare”

“Se crediamo veramente nell’Unione dei Comuni osiamo di più con determinazione”. Non basta trasferire un “pezzetto” della promozione

di LUIGI REBECCHINI*

SENIGALLIA – Leggo un articolo sulla stampa locale che riporta un mio intervento avvenuto ieri in prima commissione, dal titolo fuorviante. Mi corre allora  l’obbligo precisare e dare un più completo resoconto, in ogni caso la seduta è videoregistrata sul sito del Comune

In data 7 luglio in prima commissione  era in discussione ( la riunione è stata poi aggiornata a data da definire) il passaggio della promozione turistica all’Unione dei Comuni della Marca Senone.  A relazionare, assente il Sindaco, è intervenuto su delega il Presidente del Consiglio Massimo Bello  che per la carica istituzionale ricoperta si è limitato a leggere la proposta di delibera senza chiaramente entrare nel merito. Sarebbe stata opportuna la presenza di un membro della Giunta per poter avere una discussione politica sulla delibera.

Personalmente ho sempre creduto nell’importanza dell’Unione dei Comuni, ho sempre sostenuto e sostengo con forza l’Unione perché le potenzialità di sviluppo, lavorando assieme tra comun, si moltiplicano considerevolmente. Vale già per alcuni settori, come sta avvenendo in modo encomiabile (ad esempio nel sociale o con lo sportello unico delle attività produttive), e  dovrebbe valere anche per il turismo, riuscendo ad ampliare meglio l’offerta, in termini di bellezze paesaggistiche, culturali ed artistiche , enogastronomiche e cosi via.

Non capisco allora perché trasferire all’Unione solo ed unicamente un “pezzetto” del Turismo e che riguarda solo la promozione.

A mio parere bisognerebbe osare di più, senza perdere le singole identità e specificità, per poter lavorare tutti assieme per il nostro territorio. Invece si è scelto di trasferire (come prova per tre anni) solo  la promozione, il cui budget è di 53.000 euro all’anno, inoltre  passeranno all’Unione un dirigente e due impiegati.

Ho riferito ancora  in commissione che non si giustifica tanto personale per gestire la modica somma di 53.000 euro. Ho chiesto  che venisse posto un parere alla Corte dei Conti , non ho mai chiesto indagini, come riporta il titolo del quotidiano, le indagini sono altra cosa.

Mi auguro in un ravvedimento della proposta di  delibera,  per non incorrere in possibili danni erariali, la cui responsabilità ricadrebbe anche sui consiglieri. Il Turismo ha bisogno di visioni ampie e idee chiare, se crediamo veramente nell’Unione dei Comuni osiamo di più con determinazione.

*Capogruppo Forza Italia

 

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: