Appaltato a Corinaldo l’intervento straordinario di messa in sicurezza delle mura

Appaltato a Corinaldo l’intervento straordinario di messa in sicurezza delle mura

I lavori, in via del Fosso, dopo il crollo del 18 febbraio, saranno eseguiti dalla ditta Graziano Belogi, per un importo di 459 mila euro

CORINALDO – Dopo il danneggiamento delle mura storiche presenti lungo via del Fosso, tra il Torrione del Calcinaro e quello della Rotonda, avvenuto il 18 febbraio 2021, e della conseguente demolizione del fabbricato sovrastante, in quanto lesionato, il Comune di Corinaldo ha appaltato i lavori di realizzazione di una palificata di protezione dell’abitato e di messa in sicurezza delle mura storiche nel tratto interessato dal crollo.

I lavori, dall’importo di 459 mila euro, verranno realizzati dalla ditta Graziano Belogi s.r.l. aggiudicatrice dell’appalto e consisteranno nella realizzazione di una robusta paratia di pali trivellati, vincolata in sommità da una serie di ancoraggi. Al fine di ridurre al minimo gli effetti delle lavorazioni sugli edifici retrostanti. Non verranno previsti scavi prima della realizzazione dell’opera.

L’intervento, a salvaguardia della sicurezza degli edifici, si svilupperà quasi interamente lungo l’asse della via che corre fra l’abitato e il sedime del fabbricato demolito, con un risvolto di chiusura verso l’interno, in corrispondenza del Torrione Della Rotonda. Nell’intento di consentire l’esecuzione di tutti i lavori necessari al ripristino delle mura, che potranno comprendere scavi di carattere archeologico e interventi compatibili con le esigenze di conservazione di un bene monumentale, la paratia è stata dimensionata per contenere una parete di scavo fino a 6,5 metri di altezza. Aspetto, quest’ultimo, di cui si dovrà tener conto nella progettazione dell’intervento di rifacimento definitivo del tratto di mura crollato.

“Un intervento importante, forse il più importante da quando c’è stato il crollo delle mura, che è quello della messa in sicurezza dell’abitato del centro storico, di quella parte ancora interdetta al traffico, alla viabilità – ha dichiarato il sindaco di Corinaldo, Matteo Principi -. Con questo intervento intendiamo realizzare una palificata per contenere e sostenere il terreno a monte, quello che ha ceduto e si è portato via le nostre mura con l’abitazione sovrastante. Un intervento tanto atteso dalla comunità, che spero possa dare al più presto vivibilità e serenità. Come Amministrazione comunale e uffici abbiamo lavorato intensamente, cercando di accelerare i tempi perché conosciamo bene il disagio e le difficoltà che il nostro centro storico sta vivendo in questi mesi, accentuati dal periodo estivo, una situazione che va risanata nel più breve tempo possibile.

“Ci tengo a sottolineare che c’è un dialogo aperto e costante con la Regione, proseguito dopo il sopralluogo, nel maggio scorso, del presidente Acquaroli e dell’assessore Aguzzi, un dialogo che riprenderà i primi di settembre e che speriamo si possa concretizzare con sicurezza e tranquillità per la comunità e con un ritorno economico per le nostre casse comunali, in modo da poter riprendere anche le altre attività previste dal nostro bilancio che in questo momento sono state sospese per cercare di accelerare e poter appaltare questo tipo di intervento.

“Parallelamente a questo lavoro, si sta completando la progettazione della prossima fase, ovvero la realizzazione del paramento esterno delle mura vere e proprie, perché è volontà dell’Amministrazione, una volta posizionati i pali, affrontare la ricostruzione vera e propria delle mura, con dei tempi abbastanza contenuti. Questo – ha concluso il sindaco di Corinaldo – per ridare sicurezza e splendore al nostro borgo”.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: