“Chiesto un Consiglio straordinario per rinnovare il Cda della Fondazione Città di Senigallia”

“Chiesto un Consiglio straordinario per rinnovare il Cda della Fondazione Città di Senigallia”

Dopo più di 40 giorni di “inaccettabile ritardo dell’Amministrazione comunale” nuova presa di posizione dei gruppi consiliari del Partito Democratico, di Diritti al Futuro e di Vivi Senigallia. “Il sindaco continua a non decidere come ormai ci ha abituato da un anno a questa parte”

SENIGALLIA – “Dopo più di 40 giorni dalle dimissioni del presidente e del Consiglio di amministrazione uscente della Fondazione Città di Senigallia e dopo aver fatto attendere invano l’intero Consiglio comunale per una relazione che doveva arrivare il 20 settembre, per poi arrivare il 27 settembre, per poi arrivare non si sa quando, come consiglieri dei gruppi del Partito Democratico, Diritti al Futuro e Vivi Senigallia chiediamo al presidente del Consiglio – si legge in una nota diffusa oggi -, ai sensi del nostro regolamento, di convocare un Consiglio comunale urgente con all’ordine del giorno il rinnovo del Cda della Fondazione.

“L’amministrazione comunale – si legge sempre nella nota – ha indugiato sin troppo in questi mesi, è ora di far ripartire la Fondazione con un nuovo Consiglio di amministrazione che sappia valutare bene la situazione e affrontare in maniera responsabile, competente e appropriata le importanti questioni che la riguardano. Siamo preoccupati per i lavoratori, in primis: a causa dell’inerzia dell’Amministrazione comunale (sindaco in testa, che continua a non decidere come ormai ci ha abituato da un anno a questa parte) si rischia di tenere senza organi di governo e programmazione una Fondazione che rappresenta un patrimonio per l’intera città. Ad oggi, infatti, abbiamo in carica un Cda dimissionario che potrebbe muoversi soltanto negli ambiti dell’ordinaria amministrazione, secondo la legge.

“A questo punto sembra evidente che l’Amministrazione non abbia alcuna intenzione di procedere con il rinnovo del Cda. Diversamente, avrebbe già dovuto inserire all’ordine del giorno il rinnovo degli organi da più di un mese. Vista questa colpevole inerzia politica, lo chiediamo noi. Ce lo chiedono i lavoratori, gli ospiti, le famiglie e le imprese che quotidianamente collaborano con la Fondazione. E’ a loro – concludono i gruppi consiliari del Partito Democratico, di Diritti al Futuro e di Vivi Senigallia – che dobbiamo rispondere”.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: