La memoria fa centro, partecipata iniziativa di Confluenze dedicata al fiume Misa

La memoria fa centro, partecipata iniziativa di Confluenze dedicata al fiume Misa

SENIGALLIA – Molto partecipata l’iniziativa di Confluenze dedicata alla memoria e al fiume Misa.

A causa della pioggia e del terreno saturo d’acqua si è deciso che la manifestazione si sarebbe svolta diversamente, articolata in due parti. All’inizio presso il mulino Mariani Roberta, discendente di quinta generazione, ha illustrato tutte le fasi della lavorazione del grano, ben 18! Ha messo in funzione anche le antiche macine a pietra e spiegato i diversi gradi di raffinazione della farina. Tante le domande a lei rivolte dai numerosi partecipanti.

Successivamente Maurizio Vici ha raccontato l’affascinante mondo delle api, la loro riproduzione, il ruolo dell’ape regina e delle api operaie. Ha spiegato anche come si ottiene il miele, sia il Millefiori che le singole fioriture, la melata, La pappa reale e il polline. Anche Maurizio è stato tempestato di domande sulla importanza delle api per l’ecosistema, sul numero delle api presenti in un arnia (50 mila!) sui pericoli che corrono questi preziosi insetti.

Molto gradita la degustazione di miele e pane fuori programma! Giordano Mancini ha raccontato la vita delle popolazioni insediate lungo La vallata del Misa tra il paleolitico e neolitico mostrando reperti in selce raccolti nell’alveo del fiume. Si tratta in genere di utensili adoperati nella vita quotidiana quali punte di freccia, raschiatoi, lame di lance o piccoli pugnali. La seconda eultima parte di questa passeggiata virtuale si è svolta presso L’Antico mulino della Marazzana risalente al 1400.

Lamberto Olivi, attuale proprietario del Mulino, ci ha mostrato ciò che resta delle vecchie macine, spiegato come l’acqua spingeva le pale della ruota che a loro volta azionavano le macine . Una storia popolare ricca di aneddoti, fatta di molta fatica, con momenti di elusione della tassa sul macinato per aiutare le persone più bisognose (azionando le portelle del vallato anche di notte con l’ausilio di lanterne). A tutti è rimasto un senso di appagamento, di conoscenza e di riconoscenza verso queste persone che custodiscono e tramandano la storia delle nostre popolazioni.

Agli organizzatori, Confluenze APS e Coop Alleanza 3.0, la soddisfazione di aver contribuito alla conservazione della memoria del passato, vicino e lontano, del nostro territorio.

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: