“Mobilità sostenibile? Ecco le nostre ricette per non rimanere a piedi”

“Mobilità sostenibile? Ecco le nostre ricette per non rimanere a piedi”

Intervento di Diritti Al Futuro, movimento politico sensibile da sempre agli argomenti del trasporto sostenibile ed alle politiche per l’ambiente

di LUIGI MARINACCIO*

SENIGALLIA – Diritti Al Futuro è sensibile da sempre agli argomenti del trasporto sostenibile e alle politiche per l’ambiente, infatti siamo perfettamente consapevoli che per Senigallia e per la Regione sia indispensabile ripensare il trasporto pubblico, per essere autentici promotori di una vera transizione ecologica.

Proponiamo nuove fermate ferroviarie

In merito al trasporto ferroviario, che vorremmo fosse posto al centro del sistema di mobilità, in primis va ridisegnato il trasporto su gomma in direzione di supportare il trasporto ferroviario. Per questo sosteniamo che la nostra città necessiterebbe di nuove fermate ferroviarie in corrispondenza dei quartieri più popolosi, come vere e proprie stazioni utilizzabili per una metropolitana di superficie cittadina e regionale.

Le fermate ferroviarie pensate sono, nell’ordine, quelle del Cesano – Cesanella – Scalo Merci/Vivere Verde – Senigallia Saline – Senigallia Ciarnin. La Metropolitana Ferroviaria potrà incrementare la frequenza nelle ore di punta (almeno ogni 20 minuti). I treni potrebbero essere così il collegamento tra le zone interne delle Marche e la costa per favorire il turismo anche nelle aree dell’entroterra. Pensate anche quanti vantaggi si avrebbero per coloro che avrebbero la possibilità di raggiungere le residenze e le spiagge con il treno + metropolitana ferroviaria, e per i bagnanti locali che eviterebbero l’uso dell’auto, le interminabili file, la ricerca spasmodica e sudata dell’agognato parcheggio! Non dimentichiamo la possibilità di supportare in questo modo lo spostamento anche nelle ore serali.

Va incrementato il trasporto pubblico verso i Comuni della Marca Senone

È inoltre da incrementare il trasporto pubblico verso i Comuni della Marca Senone anche pensando ad una linea di tram o filobus in partenza dalla Stazione F.S.. Questo progetto, per essere efficace, abbisogna di un quadro organizzativo complementare fondato su un progetto di mobilità integrata.

Serve un piano per la mobilità ciclabile

Ovviamente va rivisto e completato anche un piano per la mobilità ciclabile, punto a noi molto caro ma ancora il grande escluso nei quartieri periferici! e la creazione di Ciclostazioni e di parcheggi scambiatori.

Per questo occorre l’impegno di tutti a livello locale e regionale per costruire un nuovo trasporto pubblico che porti la nostra città e la nostra Regione a diminuire l’inquinamento dovuto ai mezzi di locomozione privata e sviluppare sempre di più anche il trasporto merci su ferrovia con nuovi interporti vicini alle aree industriali.

Auspichiamo che l’Amministrazione indichi un incontro pubblico per sviluppare i temi della mobilità, invitando i Comitati, portatori di interessi diffusi, i referenti dei Comuni e della Regione che vorranno impegnarsi, per far diventare la nostra città il fiore all’occhiello degli obiettivi 9-11-13 dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

*Diritti al Futuro – Senigallia

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: