Dopo 1.594 giorni l’Olimpia Marzocca è finalmente tornata a giocare sul suo campo

Dopo 1.594 giorni l’Olimpia Marzocca è finalmente tornata a giocare sul suo campo

SENIGALLIA – Della partita parleremo sul finale di questo articolo, perché la cosa più importante che era sulla bocca di tutti gli intervenuti alla manifestazione sportiva è stata la riapertura dello stadio di Marzocca dopo oltre quattro anni, da quel fatidico giorno di settembre.

Nei 1.594 giorni di allontanamento forzato dell’Olimpia dal suo storico campo da gioco, per motivi di messa a norma ed ammodernamento dell’impianto, periodo troppo lungo, sono cambiate tante cose, nel nostro paese e nella nostra vita.

La dirigenza biancoazzurra, guidata dal presidente Burattini, con pazienza e tenacia, incontrando numerose difficoltà in questo lungo periodo, è rimasta sempre attiva, continuando ad alimentare un settore giovanile ed una prima squadra, dovendo organizzare gli allenamenti e le partite casalinghe presso altri campi, dovendo chiedere fiducia più volte al sistema, chiedere fiducia allo staff e ai genitori del settore giovanile.

È chiaro dunque che la riapertura dei cancelli nello stadio non va banalizzato, perché dietro si celano le gesta di tante persone. Il ritorno a casa dell’Olimpia ha riacceso le emozioni di un intero paese ed in questo periodo di pandemia ha un valore infinito.

La pandemia appunto, non ha permesso in questa partita l’accesso a tutti coloro che avrebbero voluto assistere a questo tanto atteso evento sportivo, si è raggiunto il limite di ingresso spettatori da normativa del Governo, pochi minuti dopo il calcio di inizio, trovandosi costretta la società biancoazzurra, con rammarico, a chiudere l’ingresso spettatori, lasciando fuori numerosi giovani.

Comprensibile che la partita in sé per questa volta è passata in secondo piano. Dopo la pausa imposta dalla LND Marche per contenimento della pandemia, l’Olimpia Marzocca di Mister Giuliani ha trovato di fronte la Passatempese, squadra posizionata un punto sopra in classifica. Nel primo tempo ben poco da registrare, salvo un bel tiro del biancoazzurro Rossi che c’entra il palo.

Il secondo tempo è risultato più emozionante, portando diverse volte l’Olimpia Marzocca vicina al gol, con Clementi e Moschini. A metà del secondo tempo l’Olimpia reclama vivacemente un rigore, per deviazione in aerea con un braccio da parte di un avversario.

L’espulsione di Tomba ha poi complicato la situazione, facendo soffrire sul finale il Marzocca, con l’estremo difensore Giovagnoli chiamato a neutralizzare un insidioso tiro della Passatempese. L’Olimpia Marzocca avrebbe meritato qualcosa in più rispetto al risultato finale, ma è mancata concretezza di fronte alla porta avversaria.

Le bandiere biancoazzurre sono tornate a sventolare, le persone del luogo si sono nuovamente incontrate, nuovi progetti sociali e sportivi sono nati dagli incontri, i ragazzi del settore giovanile hanno visto e hanno tifato finalmente i loro beniamini, dai balconi dei palazzi che contornano l’impianto numerose famiglie con i bimbi si sono affacciate per seguire l’incontro… questa è la magia dello stadio di paese.

OLIMPIA MARZOCCA – PASSATEMPESE: 0-0
OLIMPIA MARZOCCA: Giovagnoli, Marchesini (55’ Roberto), Pigini, Omenetti, Montanari, Tomba, Rossi (55’ Brunori), Bonvini, Moschini (90’ Mandolini), Paolini, Clementi (87’ Baldini).
A disposizione: Tranquilli, Arcuri, Brugiatelli, Pompili, Pierucci.
Allenatore: Giuliani.
PASSATEMPESE: Campana, Lorenzini (49’ Pieroni), Esposito, Zoli, Mandolini, Castorina, Agostinelli L., Stortoni (65’ Mezzanotte), Ferreyra (82’ Agostinelli M.), Magi, Catena.
A disposizione: Violini, Scarponi, Della Rossa, Principi, Scansani.
Allenatore: Busilacchi.
Arbitro: Belli di Pesaro.
Assistenti di linea: De Marino di Pesaro e Dahou di Jesi

 

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: