Presentata la storia dei sette ponti di Senigallia

Presentata la storia dei sette ponti di Senigallia

E’ contenuta nel nuovo volume “Senigallia: storia e immagini del ponte del Corso” curato da Paolo Formiconi e Gianluca Quaglia

SENIGALLIA – Si è svolta nella bella cornice dell’Auditorium della chiesa dei Cancelli, la presentazione del nuovo volume su Senigallia curato da Paolo Formiconi e Gianluca Quaglia e patrocinato dal Comune di Senigallia, dal Consorzio di Bonifica delle Marche e dall’Archivio Storico Quaglia.

Alla presenza di un interessato e numeroso pubblico, nonostante la giornata piovosa, gli interventi sono stati aperti dal sindaco di Senigallia, avvocato Massimo Olivetti, che si è complimentato con gli autori per il bel lavoro realizzato che ricostruisce un pezzo di storia della città di Senigallia.

Ha poi proseguito il professor Giuseppe Santoni che ha presentato gli autori, cultori di storia locale, e illustrato sinteticamente la storia dei sette ponti che nel tempo si sono succeduti nell’attuale sito ed infine Paolo Formiconi ha contestualizzato il tema dei ponti “cittadini” sul Misa e ricostruito in maniera più analitica la storia dei ponti del Corso analizzando i vari progetti e le relative vicende.

Il ponte del Corso ha rappresentato e rappresenta ancor oggi la connessione tra le due parti del centro storico della città, costituisce un elemento essenziale di snodo e di congiunzione e i senigalliesi se ne sono resi conto in modo particolare quando il cantiere per la ricostruzione del ponte lo ha reso inagibile per alcuni mesi.

Il volume, frutto di una lunga ricerca in parte storica, per i ponti più vecchi, e in parte di cronaca, per i capitoli più recenti, riproduce, tra le altre cose, anche numerose fotografie del tempo finemente commentate contribuendo a ricostruire l’evoluzione di tutta la zona del ponte del Corso e di via Carducci.

Per chi non avesse avuto modo di prendere parte all’evento ma fosse interessato al volume, si segnala che le ultime copie del libro, stampato in un numero ridotto di esemplari, sono ancora disponibili presso le librerie di Senigallia e presso alcune edicole; per approfondimenti è anche disponibile la seguente mail: storiasenigalliese@gmail.com

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: