Dario Romano: “Al porto di Senigallia si fermi l’aumento delle tariffe dei posti barca”

Dario Romano: “Al porto di Senigallia si fermi l’aumento delle tariffe dei posti barca”

Il capogruppo del Pd accusa “la maggioranza di destra guidata da Olivetti di non coinvolgere il Consiglio comunale”. “Si proceda subito con l’azienda speciale”

di DARIO ROMANO*

SENIGALLIA – Come abituati da tempo, senza alcun coinvolgimento del Consiglio comunale e senza un minimo di trasparenza politica, la maggioranza di destra guidata da Olivetti si sta muovendo sulle questioni importanti della nostra comunità.

Questa volta parliamo del porto e, in particolare della Gestiport, il cui amministratore unico è stato nominato proprio dal Sindaco Olivetti. Parliamo di una società che è partecipata dal Comune per il 72,5% quindi, come si può ben desumere, l’Amministrazione comunale ha una importante voce in capitolo per poter incidere su tale realtà.

Ad oggi Gestiport è stata confermata “in alienazione”, ma nessun processo di evidenza pubblica sembra essere stato avviato. A tal punto giova ricordare che, precedentemente, su mandato dell’Assemblea degli azionisti era stato intrapreso un percorso che aveva come punto di arrivo quello della trasformazione di Gestiport in “azienda speciale”, mantenendo nel perimetro pubblico un servizio di interesse collettivo così sottratto ai vincoli concessori della Bolkestein.

Sempre dalla stampa abbiamo appreso, senza alcuna informazione al Consiglio comunale, di una volontà di “privatizzazione” dei pontili pubblici tramite l’apposizione di cancelli.

Dulcis in fondo, sempre dai giornali abbiamo potuto apprendere che sarebbero state aumentate, per l’anno 2022, le tariffe di tutti i posti barca. Gli aumenti non dovevano essere “meramente” comunicati al Comune, bensì deliberati motivatamente nell’ultima assemblea degli azionisti 2021. Il soggetto decisore, di fatto, sembrerebbe essere stato proprio il Comune quindi, detentore del 72,5% delle quote della società e socio di maggioranza.

A questo punto le domande sorgono spontanee, e su questo ho presentato una dettagliata interrogazione scritta:

– Cosa è stato fatto, ad oggi, per la trasformazione di Gestiport in “azienda speciale” o per l’alienazione, tenendo conto che solo una delle due garantisce il perimetro pubblico di controllo e/o proprietà?

– Chi ha deciso e con quali motivazioni gli aumenti delle tariffe dei posti barca per il 2022?

– Chi ha autorizzato, se fosse vera la notizia, la privatizzazione dei pontili con l’apposizione di cancelli, così sottraendoli alla collettività?

*Capogruppo Partito democratico in Consiglio comunale – Senigallia

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: