Campanile: “Messi i cancelli alle banchine del porto, i ladruncoli rideranno…”

Campanile: “Messi i cancelli alle banchine del porto, i ladruncoli rideranno…”

di GENNARO CAMPANILE*
SENIGALLIA – I 4 cancelli che sbarrano l’accesso ad alcune banchine del porto turistico faranno sorridere gli eventuali ladruncoli le cui scorribande avrebbero determinato l’installazione.
Oggi è il 1° di aprile e forse la Gestiport avrà voluto fare il classico “pesce” ai senigalliesi nell’installare 4 barriere che tutto sono tranne che un ostacolo insormontabile. E come spesso accade, la realtà è superiore alla fantasia. Avevamo immaginato che i malintenzionati avrebbero potuto con facilità superare l’ostacolo passando lateralmente (come è evidente nella foto) ma che addirittura avrebbero trovato una specie di scaletta per farlo frontalmente è il colmo.
Tra l’altro i cancelli difendono (si fa per dire) solo una parte delle banchine e pure minoritaria. Ha più senso perciò parlare di “privatizzazione” che, forse, è l’orientamento della giunta di destra Olivetti-Bello-Liverani che governa la città.
A rendere ridicola la situazione è anche il fatto che le banchine sono di competenza della Regione. E’ possibile che la Regione abbia autorizzato una cosa del genere? Oppure si è proceduto come per le luminarie dentro l’alveo del fiume? L’assessore Campagnolo è lo stesso e quindi avrebbe potuto benissimo fare il bis. Adesso aspettiamo che l’amministratore unico ingegner Rognoli produca l’autorizzazione per renderci conto di chi ha approvato una cosa simile.
In compenso c’è stata una vera e propria rivolta per l’aumento delle tariffe (anche perché sono in parte destino ai cancelli) e solo 34 clienti si sono adeguati oggi. Trentaquattro su oltre duecento, un bel successo gestionale!
*Consigliere comunale AmoSenigallia

 

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: