Luigi Rebecchini: “Sono per il dialogo e il confronto”

Luigi Rebecchini: “Sono per il dialogo e il confronto”

“Io sto dove mi hanno messo i cittadini e dove mi chiedono di stare gli iscritti di Forza Italia”. “Non mi faccio dettare scelte da caporali o da esponenti di altri partiti”

di LUIGI REBECCHINI*
SENIGALLIA – Sono io che decido dove stare. Non mi faccio dettare scelte da caporali o da esponenti di altri partiti.
I cittadini mi hanno votato come esponente del centro-destra e mi hanno chiesto di lavorare al programma condiviso, che altri troppo spesso dimenticano.
Io sto dove mi hanno messo i cittadini e dove mi chiedono di stare gli iscritti di Forza Italia e il movimento civico che è confluito nel partito azzurro. Che a qualcuno piaccia o non piaccia. Se ne facciano una ragione.
Queste sono le regole della democrazia (in cui si dialoga e ci si confronta senza subire diktat). Altri sono rimasti alle regole di una preistorica partitocrazia. Un concetto che il presidente Berlusconi ha sconfitto da anni.
*Consigliere comunale di Forza Italia – Senigallia

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: