Sabato a Borgo Bicchia l’unico concerto senigalliese dei Musaico Folkestra

Sabato a Borgo Bicchia l’unico concerto senigalliese dei Musaico Folkestra

SENIGALLIA – Anche quest’anno, secondo una tradizione ormai radicata negli anni, i Musaico Folkestra terranno il loro unico concerto senigalliese del tour 2022 in occasione della tradizionale festa di fine Tour a Borgo Bicchia di Senigallia: l’evento si terrà alle ore 20.

In realtà non si tratterà quest’anno di un vera e propria festa di fine tour, visto che anche settembre sarà un mese denso di appuntamenti per i Musaico tra Marche, Emilia Romagna e Lombardia, ma sarà comunque l’occasione per abbracciare finalmente in casa amici, pubblico ed appassionati in genere.

Un appuntamento imperdibile, che si è rinnovato negli anni grazie all’enorme impegno organizzativo del Circolo Arci di Borgo Bicchia. Per info e prenotazioni è possibile rivolgersi al 338/6337331 (Elisabetta)

La festa si terrà nell’Area Verde di Borgo Bicchia, davanti alla scuola materna, ed il cuore della serata sarà il concerto dei Musaico, ma non mancheranno anche le risate garantite dalla presenza di Paolo Casagrande “L’Inventore”, per anni Presidente indiscusso del Circolo Arci di Borgo Bicchia, e autentico mattatore, con alle spalle numerose apparizioni sui programmi Rai e Mediaset.

Nel corso della serata ci sarà spazio anche per le emozioni, con il ricordo di Luciano Riccardi, conosciuto come “Lucky”, manager storico dei Musaico, scomparso qualche mese fa.

La formazione marchigiana, dal canto suo, reduce da un’estate intensa, proporrà lo spettacolo “Racconti Nomadi, le più belle canzoni dei Nomadi dalle voci dei loro storici autori”, un live in cui Marco Petrucci e Francesco Ferrandi raccontano, in una sorta di storytelling,  le canzoni scritte per i Nomadi in quasi 30 anni di collaborazione, e reinterpretano quelle che hanno fatto la storia della band emiliana.

Lo spettacolo è un viaggio temporale all’interno della musica dei Nomadi, dove ai brani-culto della band si alternano tutti quelli scritti da Petrucci per i Nomadi.

Dalle storiche L’eredità, 32° parallelo, Qui, Le Strade, Anni di Frontiera, Mediterraneo, In favelas, Johnny, Chiamami, sino ai singoli Decadanza e Ti porto a vivere, e poi ancora Calimocho e Io sarò, passando per Fuori la paura (il brano scritto da Ferrandi e Petrucci durante il lockdown ed interpretato dai Nomadi e Paolo Belli, i cui fondi sono destinati all’Ospedale di Reggio Emilia) fino ad arrivare a Dalla parte del cuore e a Il segno del fuoriclasse, firmate come tutta la produzione recente in coppia con Francesco Ferrandi e presenti sull’ultimo album dei Nomadi “Solo esseri umani” uscito ad aprile 2021.

A corollario di uno spettacolo nel quale atmosfere intime e momenti di ironia si fondono sapientemente, tra racconti, aneddoti e canzoni, la proiezione di immagini e video legate ai brani accompagnerà per oltre due ore gli spettatori in un viaggio dentro un pezzo di musica italiana.

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: