“In 4 mesi a Senigallia quasi 600.000 euro di multe dai t-red”

“In 4 mesi a Senigallia quasi 600.000 euro di multe dai t-red”

Il capogruppo del Partito democratico Dario Romano: “Si fermi questo salasso”

di DARIO ROMANO*

SENIGALLIA – Quasi 600.000 euro di multe sui t-red in 4 mesi, un vero e proprio salasso nei confronti dei senigalliesi, dei pendolari e dei turisti.
Dal 18/04 al 22/08 sono state elevate quasi 3600 sanzioni, per un totale di quasi 600.000 euro. Di queste, quasi la metà (più di quattro su dieci, in media) sono in carico a cittadini senigalliesi. Una vera e propria tassa occulta, quindi, che nulla ha a che fare con la sicurezza.
E’ necessario, a maggior ragione dopo l’alluvione, stare vicino ai cittadini senigalliesi e della vallata, al posto di trovare tutti i modi possibili per spremerli: se si vuole lavorare sulla sicurezza stradale, come abbiamo visto, ci sono altri metodi egualmente efficaci.
Il dato è sconvolgente se si pensa che, in quattro mesi, in realtà, uno dei due t-red è entrato in funzione a fine giugno. Parliamo, potenzialmente, di più di 2 milioni di euro all’anno solo di introiti per il t-red.
Come verranno impiegati questi introiti, per migliorare le strade? Beh, si poteva lavorare su una spending review di bilancio, le manutenzioni stradali non devono pagarle i senigalliesi e i turisti o i lavoratori con altri inutili balzelli. A questo punto, visto che la norma sembrerebbe consentirlo, si può usare quell’introito per calmierare gli aumenti energetici per gli immobili comunali e non farli ricadere sui cittadini senigalliesi -vedi per esempio le utenze degli impianti sportivi-
La scelta della destra senigalliese di aumentare tasse, imposte, balzelli e tariffe continua a fare danni. Tra l’altro in piena controtendenza con chi, a livello nazionale, si dice fiero di abbassare le tasse e aumentare l’uso del contante fino a 10.000 euro. Fino a quando abuseranno della nostra pazienza?

*Capogruppo del Partito democratico – Senigallia

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: