Un contributo straordinario di 1.500.000 euro per le famiglie danneggiate dall’alluvione

Un contributo straordinario di 1.500.000 euro per le famiglie danneggiate dall’alluvione

Presentato questa mattina al Centro di Solidarietà di Senigallia il progetto Fo.R.Z.A.

SENIGALLIA – Questa mattina al Centro di Solidarietà è stato presentato il progetto Fo.R.Z.A. Un progetto nato dal desiderio dell’Acri (l’Associazione delle Casse di Risparmio e delle Fondazioni di origine bancaria) di sostenere la popolazione marchigiana vittima dell’alluvione del 15-16 settembre.

L’Acri ha deliberato di erogare un contributo straordinario di 1.500.000 euro alle famiglie danneggiate attraverso il coordinamento di Fondazione Caritas Senigallia che, in rete con le Caritas diocesane che operano sul territorio, martoriato, ha eseguito una mappatura molto precisa dei danni subiti da ogni nucleo familiare.

L’obiettivo è trasmettere alla popolazione alluvionata un messaggio di speranza e di concreto aiuto affinché la donazione sia uno stimolo di ripresa, un supporto all’acquisto di beni di prima necessità e un messaggio di stretta vicinanza.

Questa mattina, alla presentazione del progetto sono intervenuti Dennis Luigi Censi, presidente della Fondazione di Fabriano e coordinatore della Consulta delle fondazioni marchigiane; Giovanni Bomprezzi, direttore di Fondazione Caritas Senigallia; monsignor Franco Manenti, vescovo di Senigallia. Presenti anche numerosi direttori e presidenti delle fondazioni; i direttori delle Caritas diocesane coinvolte dall’alluvione e don Marco Cardoni, parroco di Cantiano

Il progetto Fo.R.Z.A. (acronimo per Fondazioni per il Ristoro delle Zone Alluvionate) nasce dal desiderio dell’ACRI (Associazione delle Casse di Risparmio e delle Fondazioni di origine bancaria) di sostenere la popolazione del territorio marchigiano vittima dell’alluvione.

Una scelta che ribadisce il ruolo sociale delle Fondazioni a favore delle comunità di riferimento e che si pone in linea con l’atteggiamento solidale già adottato negli anni passati in occasione delle calamità naturali che hanno scosso il Paese.

I Comuni interessati all’intervento sono stati quelli maggiormente colpiti dall’alluvione del 15-16 settembre: Barbara, Cagli, Cantiano, Cerreto d’Esi, Corinaldo, Fabriano, Frontone, Ostra, Ostra Vetere, Pergola, Sassoferrato, Senigallia, Serra De Conti, Serra Sant’Abbondio e Trecastelli.

L’obiettivo principale dell’intervento è trasmettere alla popolazione alluvionata un messaggio di speranza e di concreto aiuto, affinché la donazione sia uno stimolo alla ripresa, un supporto all’acquisto di beni di prima necessità e un messaggio di stretta vicinanza.

L’erogazione dell’ingente contributo si muove al termine di un lungo percorso di mappatura e accertamento dei danni subiti dai singoli cittadini del territorio alluvionato.

I questionari compilati e consegnati al 3 novembre ammontavano a circa un migliaio (990 per la precisione) e le abitazioni mappate quasi 700. La data di scadenza della consegna è stata il 31 ottobre.

Per accertare la veridicità delle richieste ci sono state più valutazioni: la prima sia nella fase dedicata sia durante la consegna degli elettrodomestici, la seconda incrociando i dati della mappatura e i dati del Centro di ascolto o dei presidi per situazioni particolari da monitorare, come per esempio (ma non esclusivamente) quelle relative alla presenza di disabili o invalidi residenti nell’abitazione danneggiata.

Caritas Senigallia, che ha coordinato l’intervento a livello generale, ha compiuto gli accertamenti sul territorio cittadino, a Pianello di Ostra e zone limitrofe, mentre nei Comuni delle altre diocesi la verifica è stata delegata alle Caritas diocesane. I dati sono ancora in fase di pieno accertamento; le lettere sono state consegnate quasi tutte ma talvolta hanno richiesto modifiche. È inoltre stata avviata la raccolta della documentazione richiesta e di documenti attestanti alcune specifiche situazioni.

Le fondazioni bancarie hanno proposto la creazione di tre fasce di contributo economico come modalità di erogazione. Tale differenziazione, non potendosi basare su parametri numerici e quindi sulla richiesta dei danni subiti, non adeguatamente controllabile, è stata fatta seguendo criteri a carattere sociale. Non compete infatti a Caritas l’effettiva misurazione del danno materiale, che ha un’eccessiva discrezionalità, mentre è di pertinenza di Caritas la cura e l’attenzione che quotidianamente viene offerta alle famiglie e alle persone più fragili.

Tutte le famiglie danneggiate e confermate tali in fase di accertamento ricevono un contributo di 2.000 euro: tali persone, così come tutti i beneficiari dei tre tipi di contributo, hanno dovuto dimostrare di vivere nel luogo alluvionato, abitazione principale, con l’esclusione di box, garage e altre pertinenze. Non viene considerata pertanto l’abitazione così come indicata nei moduli compilati per la Regione e/o Comuni.

Il contributo maggiore, quello di 3.000 euro, spetta alle famiglie che già in periodi ordinari sono aggravate da particolari difficoltà come disabilità, invalidità, situazioni cliniche gravi o sono già monitorate dal Centro di ascolto.

Il contributo di 1.000 euro è stato attributo alle famiglie che in realtà non sono state colpite direttamente dal fango ma che hanno dovuto ugualmente abbandonare la propria abitazione, poiché residenti in condomini o strutture abitative alluvionate, che non sono potuti rientrare in casa a causa di strade inagibili o locali al pianterreno danneggiati e inaccessibili, previa presentazione un documento specifico.

La scelta di affidare a Fondazione Caritas Senigallia la gestione della distribuzione dei contributi e dell’intero intervento, passando attraverso la piattaforma www.ridiamodignita.it, già ben strutturata per una raccolta fondi sicura, precisa e detraibile, è nata dal desiderio di dare una risposta immediata ai bisogni delle persone che hanno sofferto i gravi danni derivanti dall’alluvione. Quello di Senigallia inoltre è stato uno dei territori maggiormente danneggiati e la capacità organizzativa e di gestione dell’emergenza sono stati determinanti nella scelta di Fondazione Caritas Senigallia. Essere veloci nell’erogare i contributi, prestare attenzione ai bisogni reali e mantenere la massima trasparenza nella rendicontazione sono le caratteristiche distintive del progetto Fo.R.Z.A e dell’azione di Caritas.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: