Bello: “Aderire alla giornata dedicata alle persone con disabilità è un dovere civico ed istituzionale”

Bello: “Aderire alla giornata dedicata alle persone con disabilità è un dovere civico ed istituzionale”

SENIGALLIA – “Aderire convintamente alla Giornata internazionale delle persone con disabilità, che si ricorda domani, 3 dicembre, promuovendone i valori sottesi, è un dovere civico ed istituzionale fondamentale. In tutto il mondo, questa giornata dedicata alle persone con disabilità rappresenta e deve rappresentare, per le istituzioni pubbliche l’occasione per ribadirne sempre i diritti, il benessere e la piena dignità”.

Lo sostiene Massimo Bello, Presidente del Consiglio di Senigallia e Vice Presidente vicario dell’AICCRE Marche, la Federazione italiana del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa, a proposito della ricorrenza annuale, proclamata nel 1992 dall’ONU, che ha lo scopo di focalizzare il dibattito ed il confronto pubblico sul tema del diritto universale a prendere parte, attivamente, a ogni ambito della vita sociale e sulla necessità di contribuire, con azioni costanti e tangibili, al superamento di ogni forma di discriminazione e di esclusione, come sancito dal dettato costituzionale e dai principi delle convenzioni internazionali.

“La Giornata internazionale delle persone con disabilità, indetta nel 1992 dalle Nazioni Unite per il 3 dicembre di ogni anno – ha detto il Presidente Bello – si focalizza sempre su temi legati all’inclusione sociale, con l’obiettivo di favorire iniziative in linea con l’attuazione dell’Agenda 2030 e degli altri accordi internazionali, tra i quali la Nuova Agenda Urbana. Anche l’Unione europea è in prima fila nella difesa dei diritti delle persone diversamente abili, con l’Agenda Europea sui Diritti delle Persone con Disabilità 2020-2030, che è stata resa pubblica nel 2021. L’Agenda si gioverà della valutazione della strategia europea sulla disabilità 2010-2020, pubblicata lo scorso 20 novembre dalla Commissione europea, ed elencherà le varie leggi, i programmi e le azioni, anche alla luce dell’impatto della recente pandemia da Covid-19, che guideranno per i prossimi dieci anni le politiche dell’Unione in tema di diritti delle persone con disabilità, prevedendo una serie di impegni precisi, da perseguire con le risorse più adeguate”.

“Senigallia – ha aggiunto il Presidente Bello – è una città sensibile alle politiche sociali, da sempre, e oggi può definirsi anche ‘Bandiera Lilla’, un progetto, a cui la città ha aderito e che rappresenta l’obiettivo di favorire il turismo da parte di persone con disabilità. E non solo. Il Consiglio Comunale di Senigallia non si sottrae e non si è mai sottratto da questa responsabilità. Tant’è che anche nell’ultima sessione dei lavori del Consiglio, ad esempio, è stata iscritta una proposta avanzata da alcuni gruppi consiliari, finalizzata all’istituzione del Garante dei diritti delle persone diversamente abili, la cui discussione e votazione saranno affrontate nella prossima seduta di aula”.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: