CENTROEVENTIIN PRIMO PIANO

Due piccoli e significativi presepi all’Ospedale ed in Piazza Roma

Due piccoli e significativi presepi all’Ospedale ed in Piazza Roma

SENIGALLIA – Anche quest’ anno sotto la piramide di vetro sita nell’aiuola dell’ospedale civile di Senigallia è esposto un bassorilievo che celebra la nascita di Gesù. È un’opera dell’artista Monica Sbarbati che ha modellato la creta rilevando una composizione ove trovano posto, oltre a Maria, Giuseppe e Gesù, angeli e pastori in un abbraccio affettuoso umano e divino insieme.

Le mani esperte di Monica, la sua sensibilità nell’ interpretare il soggetto religioso hanno creato un capolavoro piccolo di misura ma grande nell’interpretazione della natività.

La scelta di usare la terracotta senza ulteriori dipinture ha valorizzato l’antico e sempre suggestivo materiale della creta capace di rendere plastica la composizione; la luce crea morbidi ombre sui piani distesi. La scenografia si avvale di un prato di fiori sempre realizzato in ceramica che dona un significato di gioioso all’evento.

Monica è conosciuta a Senigallia per le sue originali creazioni, per il suo amore alla ceramica, per la ricerca di nuove forme di espressione. Monica, autentica senigalliese appartiene all’atelier della ceramica fin dal lontano1998 ed è un prezioso aiuto all’interno del gruppo, sempre presente, sempre disponibile ad aiutare tutti con serietà e competenze.

Puntuale come sempre e piena di entusiasmo nell’interpretare la nascita di Gesù Romina Fiorani ha dedicato anche quest’anno la sua opera alla cittadinanza senigalliese. Il gruppo sacro, presente nella centralissima Piazza Roma, è raccolto nell’intimità della famiglia e anche l’angelo accovacciato ai piedi del bambino ha una condizione umana perché disposto a trastullare il piccolo Gesù che richiede attenzione come tutti i bambini. La famiglia è adagiata sopra un prato verde e vuole farci dimenticare il colore e l’odore del fango che ha invaso Senigallia nella recente alluvione. Si è disposti a sorridere e ad accogliere questo evento come un fatto gioioso perché tale è l’evento di una nascita. C’è l’invito a considerare la festività come una ricorrenza religiosa e non come una festa di consumi e di benessere materiale.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: