Sabato mattina la foce del Misa sarà completamente liberata per facilitare il deflusso dell’acqua

Sabato mattina la foce del Misa sarà completamente liberata per facilitare il deflusso dell’acqua

SENIGALLIA – Dopo il primo, parziale, intervento di questa mattina, domani (sabato) la foce del fiume Misa sarà completamente liberata dall’isolotto che vi si era da tempo formato e che da tempo non consentiva più il passaggio dell’acqua.

L’escavatore utilizzato in mattinata per la prima parte dell’intervento questa sera è stato trasferito sull’altra sponda del porto-canale dove, appunto, sabato mattina, sarà fatto un nuovo intervento per liberare completamente la foce dai detriti. Detriti che, purtroppo, non vengono portati via – come sarebbe stato necessario – ma vengono spalmati lungo la foce del fiume.

Un intervento che, diciamolo chiaramente, andava fatto molto tempo fa, quando la situazione, alla foce del Misa, era diventata pericolosa. Anche perché i lavori in corso hanno sicuramente contribuito a rendere meno limpide le acque davanti alla spiaggia senigalliese. E questo, in un momento di grande presenza turistica, non è certamente ciò che si potesse auspicare.

I lavori per togliere l’isolotto sono stati decisi soprattutto per far defluire le acque in mare, in considerazione del fetore degli ultimi giorni, dovuti in particolare alla stagnazione. Ed anche in considerazione del fatto che gran parte dell’acqua presente nel canale arriva dall’impianto di depurazione.
A questo punto, vista la situazione complicata che si è registrata durante l’estate, sarebbe bene programmare, per il prossimo mese di settembre, un adeguato intervento di pulizia di tutta la foce del fiume, fino al ponte degli Angeli, così come era stato previsto dalla precedente Amministrazione regionale.

Intervento poi bloccato – lo ricordiamo a chi se lo fosse dimenticato – per imperdonabili errori di valutazione nella programmazione dello smaltimento della melma prelevata, in quanto notevolmente inquinata. Ed a tal proposito è anche giusto far presente che i fondi, a suo tempo stanziati dalla Regione, sono stati dirottati – non riusciamo a comprendere per quale motivo – in un’altra città delle Marche.

Nelle foto: la situazione attuale dopo il primo parziale intervento di questa mattina

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: