All’olio di oliva “Di Lorenzetto” di Corinaldo assegnato il marchio di qualità oro

All’olio di oliva “Di Lorenzetto” di Corinaldo assegnato il marchio di qualità oro

CORINALDO – Gli olandesi Herwin e Diana Zwijgers hanno ricevuto oggi il marchio di qualità oro per il loro olio extravergine di oliva italiano “Di Lorenzetto”.

Il marchio d’oro è assegnato dall’Istituto dell’Olio d’Oliva. L’Istituto dell’olio d’oliva è affiliato al COI, l’organizzazione ombrello responsabile delle normative europee sull’olio d’oliva. Anche in Italia, la Di Lorenzetto ha ricevuto uno splendido giudizio sulla qualità del suo olio extravergine di oliva.

In Italia ci sono molti panel test ma quello dell’Assam con a capo Barbara Alfei come capo panel è rinomato per essere molto selettivo e rigoroso. Un buon punteggio in questo panel è motivo di vanto, ma soprattutto di orgoglio.

Tentativi ed errori

Herwin e Diana hanno acquistato un uliveto in Italia quattro anni fa e negli ultimi anni lo hanno ristrutturato. Attraverso tentativi ed errori, hanno imparato nella pratica a conoscere la potatura, la coltivazione e la fioritura dal loro vicino, agricoltore e amico Mauro Saltarelli. Diana sta anche seguendo un corso triennale per imparare a conoscere l’olio d’oliva presso la scuola italiana O.N.A.O.O., l’Organizzazione Nazionale Assaggiatori Olio di Oliva.

La qualità riguarda l’intero processo

La qualità non riguarda solo le olive in sé. Un olio d’oliva è extravergine solo se tutto il processo, dalla crescita all’olio, è corretto. Diana: “Inoltre, lavoriamo in modo biologico. In questo siamo molto severi. Non vengono utilizzati pesticidi chimici.

Ma altrettanto importante è la qualità e la pulizia dell’impianto di spremitura. Abbiamo prestato attenzione anche a questo aspetto nella scelta dell’impianto di spremitura. Se il lavoro non viene svolto in modo pulito, l’olio d’oliva può sviluppare un difetto gustativo (chiamato anche “difetto”) e quindi essere rifiutato come olio extravergine d’oliva.

Herwin: “Nello stabilimento di spremitura Brignoni abbiamo trovato il nostro partner ideale. Brignoni si trova nel nostro paese di Corinaldo ed è il frantoio abituale dell’olio Di Lorenzetto. Insieme a loro organizziamo anche le esperienze sensoriali relative all’olio d’oliva nel nostro uliveto e nel loro impianto di spremitura in estate.”

L’Istituto dell’olio d’oliva 

Il marchio di qualità è assegnato dall’Istituto dell’Olio d’Oliva (OOI). L’OOI controlla l’olio d’oliva che entra nel mercato olandese e belga. Questo perché molti oli di oliva sono venduti come extravergine ma contengono difetti di sapore e quindi non sono affatto definibili tali.

Herwin e Diana hanno ricevuto l’etichetta dalla capogruppo Wilma van Grinsven. Wilma, sommelier dell’olio d’oliva e assaggiatrice professionista di formazione italiana, nonché autrice di tre libri sull’olio d’oliva, ha definito Di Lorenzetto “un grande olio d’oliva!”. Lo scorso anno, il Ministero olandese dell’Agricoltura, della Natura e della Qualità degli Alimenti ha nominato Wilma capogruppo dell’Istituto dell’Olio d’Oliva presso l’Unione Europea. L’UE ha quindi nominato il panel presso il COI, che si occupa delle normative europee sull’olio d’oliva.

Herwin e Diana sono felici e molto orgogliosi. “Abbiamo imparato così tanto dai nostri amici italiani e dai professionisti che ci circondano che ora siamo in grado di produrre un olio extravergine di oliva italiano pluripremiato. Il nostro sogno si sta realizzando!”.

 

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: