Sindacati sempre più preoccupati per il futuro dell’aeroporto di Falconara

Sindacati sempre più preoccupati per il futuro dell’aeroporto di Falconara

FALCONARA – Le segreterie di Filt Cgil- Fit Cisl – UilTrasporti sono molto preoccupate per le notizie di stampa che riguardano l’aeroporto Raffaello Sanzio  su cui si punta per il rilancio del turismo nelle Marche.

“I 13,5 milioni di euro in tre anni, che  dovevano servire  al rilancio dello scalo – si legge in un comunicato -, sembrano invece ostacolare la ripartenza. Il bando, infatti, può essere la vera chiave di volta per il rilancio non solo dell’aeroporto ma di tutta la filiera del turismo marchigiano e perno della ripresa dell’economia regionale. Non capire questo significa non avere quella lungimiranza necessaria a lasciare un segno indelebile nel governo di un territorio. Per questo motivo sorge spontanea la domanda del perché il bando sia così enormemente in ritardo rispetto alla ripresa del traffico aereo con il rischio che, alla fine, possa andare quasi deserto e non sortire quindi gli effetti per cui è stato creato.

“Ed ovviamente per il sindacato tutta la questione  potrà avere riflessi sull’occupazione. Infatti, dopo la firma sofferta  dell’accordo dell’ 8 aprile scorso con la Società Aerdorica spa dove si individuavano misure di gestione degli esuberi, si pensava di aver tracciato una riga per la messa in sicurezza dello scalo, propedeutica alla ripartenza e al rilancio.

“Le risorse pubbliche messe in campo sono notevoli se pensiamo che nel decreto rilancio è previsto un capitolo destinato ai 17 aeroporti tra cui c’è quello marchigiano, che sono rimasti aperti per le prestazioni sanitarie e di protezione civile in periodo  Covid 19. Inoltre,  c’è il bando regionale da 13,5 milioni di euro per sostenere i vettori che fanno scalo al Sanzio.

Tutte queste risorse renderebbero più stabile la gestione del personale e dell’operatività dello scalo, oggi in mano quasi totalmente  al Fondo Njord, in materia di salari, occupazione e anticipazione degli ammortizzatori sociali.  “Purtroppo, nonostante le risorse, gli impegni e l’ingresso del privato  per Aerdorica – si legge sempre nel documento diffuso dalle organizzazioni sindacali – siamo sempre all’anno 0 e, secondo i sindacati, se non ci sarà un vero sviluppo dello scalo a farne le spese non saranno solo  i lavoratori ma tutto il territorio e l’economia marchigiana. E a questa ipotesi i sindacati non ci stanno perché ritengono che le risorse pubbliche debbano andare a beneficio del lavoro e dello sviluppo.

“Le organizzazioni sindacali hanno chiesto un incontro  per il 14 luglio 2020 con l’amministratore delegato, Bassetti, per discutere delle problematiche inerenti la mancata anticipazione della Cassa Integrazione da parte aziendale e della rotazione della stessa e  hanno sollecitato la Regione a modificare il bando per consentire la partecipazione dei vettori”.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: