Il sindaco Olivetti: “A Senigallia c’è chi pensa solo a diffamare chi sta amministrando la città”

Il sindaco Olivetti: “A Senigallia c’è chi pensa solo a diffamare chi sta amministrando la città”

Decisa replica del primo cittadino alla consigliera comunale Bomprezzi, alla quale ricorda anche “il ritardo dei lavori della fibra, il problema del protocollo informatico nel Comune e la difficile comunicazione tra i vari uffici, a causa di scelte errate fatte quando lei era assessore”

di MASSIMO OLIVETTI*

SENIGALLIA – Oramai è palese che la consigliera Bomprezzi sia concentrata più sul cercare a tutti i costi la polemica mediante la diffamazione della nostra Amministrazione,  piuttosto che sulle problematiche della nostra città.

E’ accaduto anche ieri, quando dopo l’incontro con i professori Guido Silvestri e Massimo Clementi ai Giardini della Pascoli, ci ha attaccato in modo strumentale accusandoci di non aver offerto agli “illustri professori spazi più adeguati” e quindi di aver dato poca importanza all’evento.

La realtà dei fatti è ben diversa: l’incontro con i due professori è stato organizzato dalla libreria UBIK di Senigallia, per promuovere i loro libri, una circostanza che non può certo essere sfuggita alla consigliera presente alla serata, visto che è stata ripetuta in diverse occasioni dal palco.

In realtà è stata proprio la libreria UBIK, che  aveva organizzato l’evento (anche questo è stato ribadito più volte nel corso della serata),  a chiedere che l’incontro si tenesse ai giardini della Pascoli.

Il Comune, considerata l’importanza dei relatori ha messo a disposizione l’area, gli impianti ed il personale per le prenotazioni e per il controllo dell’accesso, ecco perché Fabrizio Marcantoni, moderatore dell’incontro ha più volte ringraziato l’Amministrazione comunale.

Accusarci in modo gratuito e falso, come fa la Bomprezzi, non può essere che il frutto di una palese mala fede ed un evidente tentativo di rappresentare i fatti in modo del tutto diverso dal loro accadimento, al solo fine di diffamare chi sta amministrando la città, a meno che la Bomprezzi si sia trovata lì solo per far presenza, magari per essere ripresa dalla televisione e non abbia ascoltato per nulla quanto veniva detto dal palco.

Quanto agli inviti inoltrati ai consiglieri comunali, per l’incontro svoltosi nella stressa serata di mercoledì in Piazza Roma, ed autorizzata dalla Questura, come abbiamo risposto ieri  al suo compagno di scranno Romano, l’Ufficio di Presidenza ha ritenuto dover distribuire ai consiglieri comunali, l’invito che gli organizzatori avevano indirizzato loro, presso la casa comunale, per cui nulla quaestio.

Una cosa è certa: la Bomprezzi pur di polemizzare, ha finito con lo sminuire l’importanza dell’incontro tenuto ai giardini della Pascoli, i temi affrontati e soprattutto il modo con cui i due relatori si sono posti davanti all’auditorio: quello di persone sagge che riflettono prima di parlare o di scrivere.

Crediamo che la Bomprezzi abbia altre cose su cui riflettere e giustificare: basti pensare al ritardo dei lavori della fibra nel nostro territorio, oppure al problema del protocollo informatico nel nostro Comune, o a quello della difficile comunicazione informatica tra i vari uffici, a causa di scelte errate commesse nel passato, alcuni solo dei tanti problemi che abbiamo ereditato, lasciati dal suo assessorato.

Non si preoccupi la consigliera Bomprezzi, nei prossimi giorni esamineremo pubblicamente questi problemi e vedremo se, almeno questa volta, rimarrà attenta al dibattito.

*Sindaco di Senigallia

 

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: