L’Amministrazione di Ostra Vetere guarda al futuro e punta sulla Cultura

L’Amministrazione di Ostra Vetere guarda al futuro e punta sulla Cultura

OSTRA VETERE – “Dopo la grave crisi sanitaria che tutt’ora imperversa, è ora di volgere sguardo e cuore oltre l’ostacolo e ripartire. L’Amministrazione Pancotti guarda al futuro di Ostra Vetere puntando su Cultura, Scuola e Sanità, consapevole che il futuro non può prescindere da questi 3 cardini che, oltre ad essere diritti ed autentiche esigenze sociali, saranno anche i principali settori destinatari degli imminenti interventi del PNRR”. Lo si legge in una nota diffusa oggi dal Comune.

“L’azione di governo prevede interventi larghi che riguardano più o meno tutti i settori inclusi Sport, Viabilità e digitalizzazione, ed è necessariamente organizzata in due momenti consecutivi: nell’immediato sono già in corso azioni per la valorizzazione e la sicurezza del patrimonio esistente, mentre nel prossimo futuro saranno realizzati nuovi progetti strutturali per intercettare le linee di finanziamento.

“Daremo ampio spazio mediatico nei prossimi comunicati a tutti gli interventi citati, mentre approfondiremo in questa sede l’azione nel settore della cultura.

“E’ ormai evidente la strategica convergenza all’interno del grande contenitore culturale del Montesaxnovo Festival…. (non solo una rassegna di musica Jazz, ma un vera e propria rivoluzione culturale per Ostra Vetere) di eventi, rassegne e mostre di vario genere che, oggi come mai prima d’ora, riescono a valorizzare al meglio il nostro Comune ed il nostro Territorio.

“Il “Montesaxnovo” è un palcoscenico naturale dove non salgono solo Artisti ed Opere di risonanza internazionale, ma anche il nostro Polo Museale Terre di Montenovo con la sua storia, le sue origini, la sua architettura unica, la favolosa Pinacoteca, l’esclusivo Fondo Librario, il Museo Archeologico.

“Un palcoscenico unico nel suo genere dove oltre ai pregevoli Sassofoni, alle melodiche note, vanno in scena la magia e l’armonia del nostro Borgo Medievale, della nostra Piazza Satellico, della nostra bellissima Piazza della Libertà e dei nostri preziosi palazzi storici completamente ristrutturati nel tempo e restituiti alla cittadinanza.

“Sostenere il Montesaxnovo Festival per l’Amministrazione significa un notevole impegno economico e logistico, dato che solo in questa ultima edizione del 2021 si è trattato di ospitare nell’arco dell’intero mese di Agosto 13 Concerti, 2 Eventi Culturali (ovvero la presentazione del libro “Ostra: archeologia di una città romana delle Marche” e la mostra pittorica e grafica di arte contemporanea “Un sogno ricorrente” tutt’ora esposta fino al 12 settembre presso i locali della pinacoteca e presso la storica Filanda dell’Azienda Agricola Bucci di Pongelli), 7 Maestri Concertisti, circa 60 studenti delle Masterclass provenienti dall’Italia e dal Mondo.

“Investire in Cultura, soprattutto in quest’anno, significa sostenere l’economia cittadina in questo delicato momento di ripartenza. Sostenere la nostra rete ricettiva fatta di alberghi, B&B, Agriturismi, e Case Vacanza, oltre che le attività commerciali e di ristoro del paese; significa valorizzare il nostro sito archeologico “Le Muracce” creando una musealizzazione “viva” e rafforzando un legame sempre più stretto con la Soprintendenza e l’Università, coronando anni di lavoro svolto al fianco di professionisti seri e competenti e di copiosi investimenti sostenuti finora per gli scavi archeologici; consolidare il legame con le Eccellenze Imprenditoriali di Ostra Vetere con cui anche quest’anno abbiamo intrapreso importanti sinergie; valorizzare lo IAT (informazione ed accoglienza turistica) a cui cittadini e turisti si possono rivolgere per visite e prenotazioni a mostre, concerti ed eventi di ogni genere.

“Investire in cultura è fondamentale infine, anche per compattare ed aggregare il tessuto del volontariato locale composto da individui ed Associazioni che rendono possibili tutte le attività di allestimento e contribuiscono in maniera sostanziale alla vita del nostro Paese.

“Nel 2021 l’Amministrazione Pancotti – si legge sempre nel comunicato – ha investito oltre 30.000 euro in Cultura, cifra ragguardevole nel contesto complessivo della spesa corrente del bilancio cittadino, confermando la prioritaria attenzione al settore e dando vita, dopo oltre 1 anno e mezzo di “lockdown”, al più ricco calendario di manifestazioni estive di tutta la valle del Misa, stimolando come ormai da tempo non si ricordava, un flusso di frequentazioni intenso e costante verso il nostro Borgo e verso la nostra Piazza, offrendo a turisti e cittadini una esclusiva e quotata alternativa alle solite mete mondane della riviera.

“Questa Amministrazione proseguirà convinta nella direzione del sostegno al Montesaxnovo Festival, consapevole della grande opportunità che questa manifestazione rappresenta per la cultura ed il turismo locale. Ancora di più cercherà la sinergia con tutte le Associazioni di volontariato affinché la convergenza di tutti crei il presupposto comune per il futuro di Ostra Vetere.

“Entro il 2023 i nostri concittadini potranno contare anche sull’attesa riapertura della Sala del Cinema Alberto Sordi rimasta chiusa ormai per troppo tempo.

“L’ambizioso traguardo si è reso possibile grazie al progetto di restauro e recupero funzionale che ci ha consentito di intercettare un finanziamento regionale di circa 130.000 euro, oltre l’intervento diretto del Comune, e di mettere in sicurezza in questo modo un altro importante pezzo del nostro prezioso patrimonio Urbanistico volto ad accogliere spazi per la diffusione di eventi culturali e tematici agroalimentari”.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: