Aveva in casa due vecchi fucili appesi al muro, senigalliese assolto in Tribunale

Aveva in casa due vecchi fucili appesi al muro, senigalliese assolto in Tribunale

SENIGALLIA – I Carabinieri entrano nella casa di un operaio senigalliese per una perquisizione e sequestrano 2 vecchi fucili appesi al muro e lo denunciano per detenzione illegale di armi, in quanto lo stesso non ne aveva denunciato il possesso al Commissariato.

Oggi il Tribunale di Ancona, presieduto dal giudice Fancello, ha assolto l’imputato, accogliendo la tesi difensiva del suo legale, l’avvocato Corrado Canafoglia.

In particolare, il legale ha sostenuto che quei fucili erano appesi da tempo immemore sulle pareti dell’abitazione dell’operaio senigalliese, che prima era stata di proprietà del nonno e poi del padre dell’imputato, deceduto nel 2011.

In altri termini è stata eccepita l’insussistenza dell’elemento psicologico del reato, cioè del dolo di non voler denunciare la detenzione, e su tali basi è arrivata l’assoluzione, scongiurando così per il senigalliese una condanna che prevedeva per quel reato da 1 ad 8 anni di reclusione.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: