Venerdì a Senigallia la presentazione del “Dizionario biografico delle donne marchigiane”

Venerdì a Senigallia la presentazione del “Dizionario biografico delle donne marchigiane”

SENIGALLIA – L’Associazione Culturale “A.Bellanca”, che annovera tra le sue molteplici finalità, quella di promuovere,sostenere e diffondere la cultura,trasmettere l’amore per la stessa come un bene per la persona ed un valore storico-sociale,                                                                                                                                        comunica che presso la propria sede, in via Marchetti n°47 -Senigallia, con l’intervento dei curatorivenerdi 27 maggio alle ore 18,00  avrà luogo la   presentazione del libro “Dizionario biografico  delle donne marchigiane” (1815-2022) a cura di Lidia Pupilli  e Marco Severini.

Al centro del “Dizionario biografico delle Marchigiane”, realizzato dall’Associazione di Storia Contemporanea di Senigallia, a cura di Lidia Pupilli e Marco Severini, ci sono le biografie delle donne che negli ultimi due secoli si sono distinte in ambito politico, civile, culturale, socio-economico. L’opera, che ha raggiunto la quinta edizione, ha coinvolto 34 ricercatori e si occupa non solo di persone famose, ma anche di donne dei mestieri umili, capaci però di lasciare un segno.

Le marchigiane – spiega l’Associazione di Storia Contemporanea – si sono sempre fatte trovare pronte di fronte ai cambiamenti dell’età contemporanea, politici (dai moti carbonari alla costituzione della Repubblica) e civili. Ecco allora le diverse figure della civiltà rurale (vergara) e del modello marchigiano della piccola e media impresa”. Nel libro si parla anche delle ‘prime donne’, dalla prima votante, alla prima avvocata, la prima medico condotto e la prima costituente” : un lavoro storicamente originale che  ha ricevuto una lusinghiera accoglienza   sia in Italia che all’estero;  “un’opera imponente nei numeri,di profonda qualità scientifica e dal linguaggio piano e accattivante” .

I principali obiettivi sottesi alla scrittura del libro  sono quelli di dotare le Marche – seconda regione italiana a farlo (solo la Lombardia dispone  di uno strumento repertoriale analogo ) – di una sorta di ricostruzione storica di se stessa al femminile, una ricostruzione di carattere  biografico  che avesse come termine  a quo il 1815 e come termine  ad quem  i nostri giorni, di avvicinare i giovani  alla ricerca storica  dell’età contemporanea , di dialogare con  le comunità e i  territori , di invitare i cittadini  a leggere la storia  con occhi nuovi superando  quei veti che hanno confinato le donne  nell’oblio  quando invece  proprio nella contemporaneità  si sono conquistate  una sempre più  effettiva parità.  Contributo, quello del Dizionario, prestigioso e di cogente attualità per restituire il meritato valore al grande e determinante ruolo  delle donne nella “costruzione” della storia  , ruolo   ancor oggi troppo in ombra se non del tutto obliato.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: