Una petizione al sindaco per fermare l’ulteriore abbattimento dei pini in viale Anita Garibaldi

Una petizione al sindaco per fermare l’ulteriore abbattimento dei pini in viale Anita Garibaldi

SENIGALLIA – Gli abitanti di viale Anita Garibaldi hanno presentato al sindaco di Senigallia una petizione per fermare l’ulteriore abbattimento dei pini.

“I sottoscritti cittadini di Senigallia – si legge nella petizione -, fortemente contrari all’abbattimento dei pini in Viale Anita Garibaldi ed il altre zone della città, decisi a difendere con ogni mezzo consentito gli alberi ancora rimasti ed a ottenere la ripiantumazione di alberi autoctoni e di caratteristiche (ombra e frescura) simili a quelli estirpati, considerato che:

gli interventi di posa dei sottoservizi ed i lavori di manutenzione stradale possono essere eseguiti anche con la presenza dei pini, come agronomi ed esperti (Giovanni Morelli, Andrea Maroè) hanno indicato in numerose altre città (Lignano Sabbiadoro, Riccione…) e come è già accaduto in Piazza Toti anni fa nella stessa Senigallia;

gli alberi esistenti sono fonte di ossigeno e la loro eliminazione può minare la salute dei cittadini;

la legge 10 del 2013 prevede la tutela degli alberi nelle città alfine di diminuire le emissioni carboniche;

i pini, piantati secondo il Piano Regolatore del ’33, sono parte integrante del paesaggio. Il quartiere è residenziale ed i pini ne sono una peculiare identità. L’eliminazione di piante monumentali stravolge e rende irriconoscibile il quartiere, privandolo così di una identità quasi centenaria;

i pini offrono frescura e concorrono a contrastare gli effetti del surriscaldamento globale;

proteggendo le abitazioni dal sole le fronde degli alberi contribuiscono a diminuire l’uso dei condizionatori, con conseguente risparmio energetico (nel tratto tra Via Mercantini e Via Capanna in seguito al all’interno delle abitazioni si registra un aumento di 3-5 gradi);

le auto parcheggiate al sole si surriscaldano e possono provocare malori;

l’abbattimento di alberi adulti va contro ogni direttiva europea rivolta invece alla conservazione e all’aumento della vegetazione anche nelle città per salvaguardare la salute dei cittadini.

Con questa petizione i cittadini “chiedono al sindaco Massimo Olivetti ed al Consiglio comunale di cessare l’abbattimento dei pini in Viale Anita Garibaldi e di adottare un progetto di riqualificazione che utilizzi tecniche che permettano i lavori stradali e la messa in posa dei sottoservizi senza eliminare le piante esistenti. Inoltre chiedono, in sostituzione dei pini già abbattuti, la piantumazione dello stesso numero di alberi (o numero superiore) di tipo autoctono e che offrano la stessa ombra di cui un tratto della via è stata privata (es. platani)”.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: