Mangialardi sul ponte Garibaldi: “La Giunta regionale smetta di perdere tempo”

Mangialardi sul ponte Garibaldi: “La Giunta regionale smetta di perdere tempo”

ANCONA – “Su ponte Garibaldi la Regione Marche ha perso troppo tempo e ora, questi inspiegabili ritardi, rischiano addirittura di compromettere la stagione turistica. Dopo la disastrosa piena dello scorso settembre, mi ero attivato subito per chiedere alla Giunta regionale di installare una struttura ciclo-pedonale provvisoria che consentisse di collegare nuovamente le due sponde del fiume Misa. In Assemblea, l’assessore Aguzzi aveva risposto a una mia interrogazione impegnandosi a demolire quanto prima ponte Garibaldi con risorse regionali e avviare di seguito la procedura con l’Anas per la realizzazione di una nuova struttura. A oggi niente di tutto questo è avvenuto e Senigallia continua a rimanere una città divisa in due, con gravi ripercussioni sulla viabilità cittadina e, soprattutto, sulle attività economiche del centro storico”.

A dirlo è il capogruppo regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi, che in vista del consiglio del 17 gennaio ha deciso di presentare una nuova interrogazione alla Giunta regionale per sollecitare una soluzione immediata al problema dell’inagibilità di ponte Garibaldi.

“Questa poca attenzione del centrodestra marchigiano ai danni subiti da Senigallia durante l’alluvione – continua Mangialardi – è sbagliata.  La ricostruzione di ponte Garibaldi rappresenta un progetto indispensabile che va perseguito fino in fondo, ma è chiaro che oggi i tempi della sua realizzazione sono assolutamente incompatibili con i bisogni di cittadini e imprese. Nell’attesa si poteva e si doveva dare una risposta immediata con un collegamento temporaneo, praticamente quasi a costo zero”.

“Purtroppo – conclude il capogruppo dem – la situazione che la città si trova a vivere oggi non è solo figlia dell’incapacità della Giunta regionale, ma anche dell’incertezza e dei tentennamenti dell’Amministrazione comunale. Sarebbe stato sufficiente pretendere il rispetto di quanto già concordato in precedenza tra la mia Giunta e quella di Ceriscioli: a quest’ora avremmo avuto un ponte a campata unica che, con ogni probabilità, sarebbe riuscito a superare indenne la piena di settembre. Aver rinunciato a esigere che ponte Garibaldi venisse realizzato come da accordi precedenti con i fondi regionali, si è rivelato un grossolano errore da parte del sindaco Olivetti.

“Pur di compiacere la Giunta Acquaroli, egli ha preferito alzare bandiera bianca, prima inventandosi una impossibile rimodulazione del project financing riguardante lo stadio per stornare risorse a favore del ponte, poi, abbandonando completamente sia il progetto di rifacimento di ponte Garibaldi sia quello per la riqualificazione dello stadio. Oggi i risultati sono sotto gli occhi di tutti”.

————————————-

All’ex sindaco di Senigallia, Maurizio Mangialardi, vogliamo far presente – l’informativa è recentissima – che la passerella provvisoria pedonale – stando al progetto della Regione – verrebbe a costare 350.000 euro. Il che, inevitabilmente, precluderebbe la realizzazione, in tempi brevi, del nuovo ponte. Per cui occorre che il Partito democratico, visto che altri non lo fanno, si impegni per far realizzare al più presto il nuovo ponte Garibaldi. Senigallia non può restare divisa in due. E, soprattutto, merita una maggiore attenzione. Da parte di tutti. (e.st.)

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: