Ecco come nasce Senigallia Città Gourmet

Ecco come nasce Senigallia Città Gourmet

Politica, imprese e professionisti insieme con Cna per far emergere la vocazione della città

SENIGALLIA – Gusto, Ospitalità, Unicità, Riconoscimento, Metodologia, Emozione, Territorio. In una parola Gourmet per Senigallia. È stato un pomeriggio intenso, formativo, partecipato e determinante per il sistema economico e turistico della città di Senigallia e dell’intero territorio.

L’iniziativa “POLI: Senigallia Città Gourmet“, ideata da CNA e Brand Festival, e organizzata in collaborazione con il Comune di Senigallia, la Camera di Commercio Unica delle Marche, il Confidi Unico e che si è svolta venerdì 3 febbraio alla Rotonda a Mare di Senigallia, ha dimostrato ancora una volta come Senigallia abbia tutte le carte in regola per posizionarsi nel panorama turistico nazionale grazie alla straordinaria vocazione all’eccellenza enogastronomia.

E a raccontarlo con la concretezza tipica degli imprenditori sono stati proprio le 4 aziende del mondo della enogastronomia chiamate a raccontare la loro esperienze e la loro visione: Francesca Casci Ceccacci di Pandefrà, Lorenzo Ranieri di Amaro Canaja, Matteo Cecchini di Pozzo Blend e Niko Pizzimenti di Sepia By Niko.

I quattro talenti emergenti della città gourmet hanno infatti tracciato la via: l’emozione è il fattore che le persone si portano a casa è ed il fattore fondamentale (Ranieri), questa città è ricettiva verso la grande eccellenza enogastronomica (Matteo Cecchini) grazie ai suoi prodotti fantastici che danno una visione diversa del territorio (Niki Pizzimenti) e quindi possiamo essere un sistema che generare utili per essere utili (Francesca Casci Ceccacci). E quindi Gourmet per Senigallia è “ricerca continua su prodotti, materie prime e estetica”. È “non lasciare nulla al caso”. È “non separe il cibo dalle persone e dal territorio“.

A raccogliere questi importantissimi stimoli è stato l’intero parter politico ed istituzionale della città e delle Marche. Guidati dal giornalista de Il Sole 24 Ore, Michele Romano, sono interventuti i vertici della Regione Marche. “Enogastronomia e borghi sono due grandi opportunità per le Marche – ha spiegato il presidente regionale, Francesco Acquarolie che ruotano attorno alle nostra identità e nostra storia. Siamo piccola regione e se vogliamo ambire ai piani alti dobbiamo portarci dietro tutta la regione. E da qui che passa l’attrattiva del nostro territorio ed è un meccanismo da innescare. Con Atim e Camera di Commercio siamo pronti. Promuoverci come singola identità è un errore – ha continuato Acquaroli – dobbiamo proseguire nel percorso di comunicazione ma come entità regionale, accettando la sfida dell’organizzazione e dell’accoglienza. Non dobbiamo essere un prodotto copiato, ma puntare sulla nostra autenticità. Siamo le Marche, terra di enogastronomia, cultura paesaggi e carattere dignitoso e geniale.”

Il Segretario Generale di CNA, Otello Gregorini, ha continuato la riflessione dalla sua prosepettiva nazionale. “Se vogliamo competere, essendo noi una piccolissima regione ed avendo un numero altissimo di imprese, dobbiamo giocare di squadra – ha spiegato il segretario generale – . Solo le specificità convergono in progetto unico abbiamo chance per competere perché è lì che c’è autenticità, un contenuto vero ed è importante farlo conoscere. È qui che sta il ruolo della Pmi. In questo Paese continuiamo ad avere impostazione, normativa, legislativa e burocratica troppo legata alle grandi impresa. Si fa sempre una strardoinaria fatica a rendere potabile per la piccola impresa qualsiasi iniziativa. Bisogna ribaltare il concetto – ha continuato Gregorini – partendo dalle Piccole e Medie imprese e pensare alle grandi imprese come eccezione. L’equilibrio fra territorio, lavoro e persone è fondamentale e in questo le Marche sono un esempio perfetto di sintonia fra la capacità del lavoro e qualità della vita. È una differenza di fondo e dobbiamo esaltarlo, nell’interesse del Paese.

Il convegno ha visto inoltre i contributi di grande interesse dell’assessore alla Cultura della Regione, Chiara Biondi e del direttore Atim Marco Bruschini, insieme a due momenti di formazione e approfondimento con Roberta Milano, direttrice scientifica Food&Wine Tourism e Graziano Giacani, Presidente del Brand Festival.

Presenti anche il sindaco di Senigallia, Massimo Olivetti, il presidente di CNA Ancona Maurizio Paradisi e il presidente della Camera di Commercio Unica, Gino Sabatini.

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: