A Senigallia nuovi manifesti “No green pass” ed esplode la polemica politica

A Senigallia nuovi manifesti “No green pass” ed esplode la polemica politica

SENIGALLIA – Riesplode in città la polemica sui manifesti “no green pass” affissi in alcuni punti strategici di Senigallia.

Più Europa Senigallia “prende le distanze – si legge in una nota – dai manifesti negazionisti che, in questi giorni, sono stati affissi in città. L’ultimo è paradossale. C’è scritto: “Giù le mani dai bambini” e subito dopo un’altra frase senza alcuna attinenza: “No green pass”.

“Ma se vogliamo davvero bene ai nostri figli – si legge ancora nella nota diffusa dal movimento politico Più Europa Senigallia – sarebbe meglio fare il vaccino per evitare il rischio (viste le evidenze scientifiche) di renderli orfani. Crediamo si debba smettere di alimentare la disinformazione e il clima di violenza che ormai si respira.  Anche perché molti medici in prima linea vengono quotidianamente attaccati e minacciati.

Si chiede quindi all’Amministrazione – conclude più Europa – di prendere provvedimenti idonei ad evitare che si ripetano eventi simili”.

E l’ex assessore comunale ed ex consigliere regionale del Pd, Fabrizio Volpini, ha scritto, su Facebook, una lettera aperta al sindaco di Senigallia, Massimo Olivetti.

“Egregio Sig. Sindaco, Massimo Olivetti, con molto piacere l’ho vista l’altra sera – scrive Volpini – alla presentazione dei libri dei due illustri scienziati, prof. Massimo Clementi e prof. Guido Silvestri, quest’ultimo anche nostro concittadino, e ho anche apprezzato il suo intervento circa l’importanza della scienza che va difesa sempre e comunque, e soprattutto ora, perché è l’unica strada da percorrere per uscire dalla pandemia.

“Come primo cittadino e come sindaco di una città che ha aderito al Patto Trasversale per la Scienza – aggiunge Fabrizio Volpini –  mi chiedo però come lei possa tollerare ancora in città la presenza di gigantografie pubblicitarie dal contenuto ambiguo e che vanno proprio contro i principi della scienza.

“Capisco che il servizio di affissione – conclude Fabrizio Volpini – sia stato dato dalla precedente Amministrazione comunale in appalto ad una agenzia esterna, ma credo che il Sindaco, di fronte a prese di posizioni così fuorvianti e antiscientifiche, possa e debba impedirne l’affissione, anche a costo di revocarne l’appalto”.

Ed al dottor Fabrizio Volpini risponde prontamente la segreteria della sezione di Senigallia di Fratelli d’Italia.

“Gentile Dott. Volpini, abbiamo letto un suo post sui social diretto al Sindaco Olivetti, e francamente, conoscendola, ne siamo rimasti basiti.

“Leggendo le sue considerazioni riteniamo che l’elezione del Sindaco Olivetti (Fabrizio Volpini, candidato sindaco per il centrosinistra, è stato sconfitto al ballottaggio – ndr) l’abbia tutelata da scelte amministrative autolesionistiche e impraticabili, che l’avrebbero esposta al ridicolo.

“Le pare possibile sostenere che un Sindaco che ha compiti di indirizzo politico possa impedire affissioni o revocare contratti?

“La sua posizione favorevole sui vaccini l’ha più volte espressa il Sindaco.

“Lei gentilmente, al di là delle dichiarazioni esorbitanti da “grossista dell’iperbole”, ci potrebbe indicare in base a quali normative un primo cittadino – conclude Fratelli d’Italia – potrebbe realizzare quello che lei sollecita?”

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: