“Il presidente Canafoglia inadeguato, responsabilità pesanti della Giunta Olivetti e della Regione Marche”

“Il presidente Canafoglia inadeguato, responsabilità pesanti della Giunta Olivetti e della Regione Marche”

Polemica presa di posizione dell’ex sindaco Maurizio Mangialardi dopo le dimissioni del Cda della Fondazione Città di Senigallia

ANCONA – “Demolire è sempre più facile che costruire, aizzare il conflitto, incitare l’odio contro le istituzioni, sgretolare la coesione sociale, magari lucrandoci sopra, è sempre più facile che governare e gestire la cosa pubblica. Sono regole auree che le dimissioni del Consiglio d’amministrazione della Fondazione Città di Senigallia confermano ancora una volta, dimostrando come gli arruffapopoli abbiano vita dura quando si tratta di fare i conti con la realtà amministrativa quotidiana.

“Mai si era visto, e credo mai si vedrà in futuro, un Cda dimettersi nel breve volgere di sei mesi dalla sua nomina perché incapace di svolgere la funzione a esso assegnata, abdicando a quel senso di responsabilità che sempre dovrebbe distinguere chi accetta l’onere e l’onore di assumere la guida di un ente pubblico”.

Così il consigliere regionale del Partito democratico Maurizio Mangialardi commenta il terremoto politico-amministrativo avvenuto alla Fondazione Città di Senigallia.

“Tuttavia – aggiunge Mangialardi – per quanto so bene che il presidente dimissionario (l’avvocato Corrado Canafoglia – ndr) smentirà con forza, ho trovato tutto sommato onesto il suo  j’accuse rivolto alle amministrazioni del sindaco Olivetti e del governatore Acquaroli, al quale peraltro aveva offerto il proprio sostegno candidandosi, ahi lui con scarsi risultati, in una lista civica a suo supporto. Il grido di dolore dell’avvocato di ogni sorta di comitato nato a Senigallia negli ultimi dieci anni fa capire chiaramente la sua profonda delusione per l’essere stato lasciato da solo di fronte a questioni probabilmente più grandi di lui, ma che comunque necessitavano di una collaborazione ben più attiva da parte di Comune e Regione. Una collaborazione che, invece, è clamorosamente mancata”.

“Del resto – spiega il consigliere dem – il fatto che presidente e consiglieri dimissionari sostengano che pur potendo continuare nel loro impegno, hanno preferito lanciare un messaggio per chiedere il sostegno di istituzioni pubbliche e private, non solo conferma l’inettitudine del Cda e il disinteresse di Comune e Regione, ma anche che la Fondazione non è assolutamente prossima al dissesto economico. Il punto è che la stessa, come ogni altro ente gestore di servizi di assistenza, deve affrontare specifici problemi, peraltro oggettivamente complicati da questo ultimo anno e mezzo di emergenza sanitaria causata dal Covid-19, che per essere risolti richiedono capacità, competenza e un quotidiano impegno da chi è chiamato a dirigerla”.

“In questo senso – conclude Mangialardi – spicca clamorosamente la differenza tra la gestione durante gli anni della presidenza di Michelangelo Guzzonato, in cui la Fondazione non solo ha mantenuto un alto livello di eccellenza nei servizi di assistenza, ma è anche diventa motore di crescita sociale e culturale per l’intera comunità, e quella di chi, in pochi mesi, palesando tutta la sua inadeguatezza, è scappato alla prima difficoltà. Spero davvero che questa vicenda sia di lezione a tutti, affinché, come correttamente chiesto dal gruppo consiliare comunale del Partito Democratico, si apra un confronto vero per ripartire subito e dare quelle risposte che gli ospiti e le loro famiglie, i dipendenti e le imprese che collaborano con la Fondazione, nonché l’intera città, si attendono”.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: