Truffate due signore di Arcevia, i Carabinieri identificano e denunciano tre persone

Truffate due signore di Arcevia, i Carabinieri identificano e denunciano tre persone

ARCEVIA – Due truffe online sono state scoperte dai carabinieri di Arcevia, alle dipendenze della Compagnia di Fabriano.

Nel primo caso è stato denunciato un 42enne di Bergamo che ha truffato una 69enne, vedova, di Arcevia. La donna ha messo in vendita, in un sito online, un mobile. Il 42enne la contatta e vista la poca dimestichezza informatica della proprietaria del mobile la invita a raggiungere uno sportello Bancomat.

Ed alla fine la donna, invece di ricevere la cifra stabilita, 400 euro, ha effettuato 4 versamenti della stessa cifra, per un totale di 1.600 euro. Importo che l’uomo ha subito ritirato.

Di lui si sono subito perse le tracce e la donna ha raggiunto la caserma dei carabinieri di Arcevia per sporgere denuncia. Le indagini hanno permesso di identificare e denunciare l’autore della truffa.

Sempre ad Arcevia una 61enne del posto ha visto online un annuncio di un robot per pulire la piscina. Era stato messo in vendita a 450 euro.

Interessata, decide di contattare il proprietario. Dopo una veloce trattativa arrivano al prezzo finale con uno sconto del 30% se avesse effettuato il pagamento in giornata. Così è stato.

Il pacco con il robot per pulire la piscina, però, non è mai arrivato e del titolare dell’annuncio si sono perse le tracce. Così anche questa signora si è presentata in caserma per sporgere denuncia.

I carabinieri di Arcevia hanno avviato subito le indagini ed hanno identificato gli autori della truffa: si tratta di due persone, un 31enne di Napoli ed una 33enne di Salerno. Sono stati denunciati per truffa in concorso.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: