Nell’area ospedaliera di Senigallia sarà costruita una nuova palazzina per l’emergenza

Nell’area ospedaliera di Senigallia sarà costruita una nuova palazzina per l’emergenza

“Un gioiello tecnologico – ha detto l’assessore regionale Francesco Baldelli – da realizzare con le tecniche di costruzione più moderne, utilizzando i 16 milioni previsti dal Masterplan dell’edilizia sanitaria”

di ELPIDIO STORTINI

SENIGALLIA – Anche nelle Marche è in arrivo una mole ingente di risorse finanziarie per riqualificare i servizi sanitari, ridisegnando la rete ospedaliera.

Cifre rilevanti che sono state destinate, dalla Giunta regionale, ad alcune infrastrutture del territorio. Tra queste c’è l’Ospedale di Senigallia, per il quale sono stati messi a disposizione ben 16 milioni di euro.

Ed oggi l’assessore alle Infrastrutture e all’Edilizia ospedaliera della Regione, Francesco Baldelli, ha illustrato al sindaco ciò che, con i fondi previsti dal Masterplan dell’edilizia sanitaria, verrà realizzato a Senigallia

Al centro dell’intervento c’è la costruzione di una nuova palazzina per l’emergenza nell’area ospedaliera. E, finalmente, con questo progetto Senigallia avrà così un Pronto Soccorso funzionale. “Un gioiello tecnologico – come ha affermato nel corso dell’incontro l’assessore regionale Francesco Baldelli – da realizzare con le tecniche di costruzione più moderne, volte a garantire la continuità dei servizi ai cittadini ed ai turisti anche in casi estremi, come eventi sismici e calamità naturali”.

Nell’operazione saranno investiti complessivamente 16 milioni di euro per adeguare una struttura sanitaria a servizio non solo di chi abita  a Senigallia, ma anche delle popolazioni dei centri delle valli del Misa e del Cesano. Una popolazione che, durante la stagione estiva, arriva poi a triplicare il numero dei suoi residenti.

Un investimento storico per Senigallia, una città che, negli ultimi 30 anni, non aveva mai ottenuto finanziamenti così corposi per l’edilizia ospedaliera.

Con gli interventi programmati dalla Giunta regionale la sanità marchigiana sta per passare da un sistema che prevedeva la centralizzazione dei servizi ospedalieri in strutture uniche provinciali ad un sistema policentrico che restituisce servizi e strutture qualitativamente adeguate in tutto il territorio.

Dopo l’approvazione della delibera, da parte della Giunta regionale, il piano era stato presentato ufficialmente il 14 febbraio dal presidente Francesco Acquaroli. “Un passaggio molto importante per disegnare il futuro della sanità marchigiana – aveva affermato Acquaroli – perché destiniamo risorse a progetti specifici e molto significativi per i territori. Una mole ingente di risorse per riqualificare servizi, ridisegnare la rete ospedaliera e territoriale marchigiana e assicurare i bisogni di salute, riequilibrando l’offerta sul territorio”.

Ed oggi l’assessore alle Infrastrutture e all’Edilizia ospedaliera, Francesco Baldelli, ha illustrato dettagliatamente al sindaco, presente anche il delegato alla Sanità, Andrea Ansuini, ciò che sta per essere realizzato a Senigallia.

In attesa di questo qualificante intervento, è comunque giunto anche il momento di rendere funzionale l’attuale Pronto Soccorso dove, purtroppo, da anni, si manifesta una cronica carenza di medici. Ma, nonostante le continue sollecitazioni e denunce delle organizzazioni sindacali – l’ultima è di questa mattina -, ben poco si fa per ricercare – e trovare – le necessarie soluzioni.

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: