Bomprezzi sull’arretramento della ferrovia: “Felice che il sindaco abbia cambiato idea”

Bomprezzi sull’arretramento della ferrovia: “Felice che il sindaco abbia cambiato idea”

“Ma fino a poche settimane fa non la pensava così e parlava apertamente (a gennaio) di sogni notturni”

di CHANTAL BOMPREZZI*

SENIGALLIA — Sono stata molto felice del fatto che il sindaco Olivetti abbia pubblicamente comunicato di essere favorevole al progetto di arretramento della ferrovia, trattandosi di un’opportunità di cui tutti i comuni turistici marchigiani hanno la necessità.

Peccato che non la pensasse così a gennaio scorso, quando, dopo un mio intervento sul punto, in cui facevo l’esempio virtuoso di Pesaro la cui notizia era uscita poco tempo prima, disse testualmente che fossero solamente miei sogni notturni, che la possibilità di un arretramento era esclusa aprioristicamente da Ferrovie dello Stato, con cui vi era una costante interlocuzione, e che la sua maggioranza non si dedicava ad operazioni “fuffa”.

Mi fa molto piacere che il sindaco abbia cambiato idea. Nel frattempo però qualche altro Comune, che evidentemente faceva sogni notturni assieme a me, e che è lo stesso che sempre nel sogno ereditava il nostro CaterRaduno e diveniva Capitale della Cultura 2024, ci ha già pensato a suo tempo ed ha ottenuto il risultato. Solo ora il nostro sindaco dichiara che se la cosa si fa per Pesaro, si deve fare per tutti. Anche perché, come dice giustamente il sindaco, e come anche sostenuto da me in quel famoso intervento fatto dormendo ad occhi aperti per il primo cittadino, si pone il problema del rumore che l’aumento della velocità e il passaggio dei treni merci potrebbe determinare, e che potrebbe comportare l’installazione di barriere fonoassorbenti, su cui il sindaco non sarebbe d’accordo.

E così, per non aver saputo sognare, avremo probabilmente perso un’opportunità e ci terremo il rumore. Il Partito democratico ha sempre sostenuto questo progetto, che ora grazie all’investimento del Ministero potrebbe venire alla luce. Mi unisco pertanto alla richiesta che l’amministrazione, evidentemente ravvedutasi, continui a lavorare per includere anche Senigallia nel progetto.

*Consigliera comunale gruppo Pd Senigallia – vice capogruppo consiliare

 

 

 

QS – RIPRODUZIONE RISERVATA - www.quisenigallia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: